Zuckerberg mostra per errore le nuove funzioni di Facebook

Nel corso di una diretta streaming di Mark Zuckerberg con gli utenti, in collegamento dal quartier generale di Facebook, il Ceo del colosso social ha mostrato per errore le future funzionalità dell’applicazione di Facebook.

Tutto è partito da un utente che ha chiesto a Zuckerberg come si può far partire una diretta con il nuovo strumento per i live video, Mark ha risposto: “Te lo mostro subito dal mio iPhone. Qui l’icona è gialla perché è una versione interna”, spiega.

Dopo  la spiegazione di un primo metodo di pubblicazione, ne illustra un secondo, cadendo nell’errore: “Basta andare sul bottone per la pubblicazione e scegliere “Live video”, spiega, senza accorgersi di mostrare un’interfaccia del tutto sconosciuta al grande pubblico, il Ceo se ne rende conto troppo tardi, ritirando repentinamente la mano e spiegando imbarazzato: “Quella che avete visto è una versione di prova, interna a Facebook. Avrete potuto vedere che ci sono delle cose nuove, ma stiamo ancora testando e provando”.

La nuova interfaccia intravista ha un aspetto molto più dinamico e colorato: c’è un’icona azzurra per gli stati personali, verde per le foto e i video, arancione per gli slideshow, gialla per condividere emozioni e sentimenti, giallo chiaro per le gif, rosso per le dirette in streaming video, viola per la musica e infine il rosa per condividere la propria posizione.

Non è noto se vedremo mai tale interfaccia sui nostri dispositivi, ma l’obiettivo al quale sta mirando il colosso social è un chiaro invito ad incrementare le pubblicazioni e le condivisioni sulla piattaforma, rendendole più dinamiche e divertenti, è un chiaro tentativo di risalita, visto che dallo scorso anno le pubblicazioni su Facebook sono calate del 21%.

Loading...
Potrebbero interessarti

Napoli, multe con il tablet dal 2 gennaio 2017

A Napoli dal 2 gennaio 2017 le multe si faranno con il…

Samsung Galaxy S9 un sensore da 1.000 fotogrammi al secondo

Le indiscrezioni riguardo il tanto atteso iPhone X diciamo pure che sono…