Alieni: siamo davvero vicini all’annuncio ufficiale?

Negli ultimi tre anni, le Nazioni Unite, il Vaticano e la NASA hanno fatto annunci sulla possibile vita aliena. Dunque siamo pronti per la divulgazione?

Dall’incidente di Roswell nel giugno del 1947, ci sono state voci diffuse non solo sull’esistenza di alieni, ma anche sul loro coinvolgimento con i governi del mondo.

Sebbene ci siano stati diversi avvistamenti di UFO di massa in tutto il mondo come le famose luci Phoenix del 1997, solo le autorità sono rimaste strettamente informate sulla questione.

Negli ultimi 20 anni, c’è stata un’ondata di informatori riguardo al coinvolgimento del governo degli Stati Uniti con gli alieni. Le informazioni vanno dagli UFO registrati su radar ai funzionari governativi e alle società private che presumibilmente lavorano con gli alieni su progetti segreti.

Il più vicino che il mondo sia mai stato a una divulgazione sugli UFO fu nel 2001, quando il dott. Steven Greer guidò un gruppo di testimoni – tutti con legami con autorità governative come militari, NSA e NASA – si fece avanti al National Press Club e parlò di Attività UFO. Erano presenti membri delle principali reti mediatiche come la BBC.

C’è anche il resoconto dettagliato di Aaron McCallum, un ex agente operativo, che afferma di aver interagito con gli alieni all’interno dell’esercito americano.

Nonostante i resoconti negativi degli informatori che collegano il governo agli alieni, in realtà non c’è stata alcuna parola ufficiale sull’argomento per negare tali affermazioni.

Nel 2008, il Rev. Jose Gabriel Funes, astronomo e direttore dell’osservatorio vaticano, annunciò al mondo che la possibilità della vita aliena non era in conflitto con la fede della chiesa in Dio. Lo stesso argomento è stato ripreso nel 2009.

Nell’agosto 2010, il governo britannico ha rilasciato file segreti dai suoi archivi nazionali a conferma che le autorità hanno preso atto della questione degli UFO dagli anni ’50.

Nel dicembre 2010, la NASA ha fatto un annuncio in merito a una scoperta, che secondo loro ha dato una definizione più ampia alla vita. Hanno scoperto un ceppo di microbi GFAJ-1, che può costruire parte di se stesso con l’arsenico.

E oggi, la NASA ha annunciato la scoperta di più di alcune centinaia di pianeti che hanno il potenziale per le forme di vita.

Bisogna chiedersi perché questo improvviso afflusso di informazioni sulla possibilità di vita aliena da parte di tutte le principali istituzioni in un arco di tempo così breve.

Esiste un legame tra la NASA, il Vaticano e i governi del mondo di cui il pubblico non è a conoscenza? Queste informazioni sono state coordinate per il rilascio tempestivo insieme?

Se davvero come alcuni già credono che i governi del mondo stiano preparando le persone alla divulgazione sulla verità, la domanda sarebbe quindi quanto ancora oggi non ci stanno dicendo?

È improbabile che le persone con la mentalità di mantenere le cose segrete improvvisamente diffondano tutto ciò che sanno su un argomento che, secondo gli informatori, hanno tenuto segreto per decenni.

Inoltre, quanto accurate sarebbero tali informazioni?

Il semplice fatto di rivelare i fenomeni UFO significa che gli informatori avevano ragione e che c’è stato davvero un enorme insabbiamento.

Se in effetti la divulgazione sul tema degli extraterrestri avverrà molto presto, allora è importante confrontare ciò che le autorità dicono rispetto a ciò che gli informatori hanno detto in passato e da lì decidere a chi e cosa credere.

Loading...
Potrebbero interessarti

Chester Bennington, all’asta il kit donato al suo funerale

La sua morte ha sconvolto i suoi fans di tutto il mondo,…

Amazon lancia Kindle Oasis, il suo nuovo lettore e-book

C’è addirittura già chi si sbilancia, fino a definirlo il perfetto lettore…