Giant Gonzalez la storia del gigante buono
Giant Gonzalez la storia del gigante buono

Gli appassionati di wrestling ricorderanno certamente il famoso Jorge Gonzalez, meglio conosciuto come Giant Gonzalez.

Jorge Gonzalez era nato a Formosa nel 1966 ed era entrato nelle giovanili della squadra di basket dell’Hindù Club a soli 16 anni, successivamente nel 1985 fu chiamato dalla nazionale argentina di basket ma ben presto nel 1989 gli fu offerta la possibilità di entrare a far parte del mondo del wrestling professionistico.

Nel 1989 infatti, fu offerto a Gonzalez un contratto per la WCW con la richiesta però di sottoporsi almeno ad un anno di allenamento specifico per quel tipo di attività sportiva, difatti il suo debutto avvenne esattamente un anno dopo nel 1990.

Il suo rapporto con la WCW proseguì fino al 1993 quando approdò alla WWF nel 1993, a Gonzalez diedero il nome di: Giant Gonzalez proponendo la figura di una sorta di cavernicolo con tanto di costume fatto di pellicciotto.

Dopo una piccola parentesi durata dal 1994 al 1995 in Giappone, Giant Gonzalez si ritirò dal wrestling, fece alcune apparizioni in serie tv come Baywatch e Thunder in Paradise con l’amico Hulk Hogan, ma col passare degli anni cominciò a soffrire di gravi problemi dovuti al gigantismo.

Jorge Gonzalez (Giant Gonzalez) era conosciuto ed è conosciuto tutt’oggi, per essere il più alto wrestler che abbia mai combattuto sul ring, il dibattito sulle sue reali misure non si è mai risolto effettivamente, l’altezza è comunque destinata ad essere oggetto di discussioni, ad oggi risulta essere tra i 2.32mt e i 2,44mt.

Giant Gonzalez muore nel 2010 per i suoi gravi problemi di artritismo dovuti al gigantismo, che lo avevano costretto per buona parte della sua giornata sulla sedia a rotelle e per un diabete che gli aveva portato un’insufficienza renale.

Loading...
Potrebbero interessarti

Valeria Marini, anche Bettarini ora è contro di lei

Nelle scorse settimane i due sono stati molto vicini, anzi fin troppo:…

Michelle Hunziker, un’ecografia in diretta per smentire la gravidanza

Di certo dobbiamo rendergliene merito: l’autoironia non gli manca certo, e così…