La vita esiste su un pianeta a 117 anni luce da noi

Redazione

I ricercatori dell’University College di Londra hanno scoperto un potenziale pianeta visto in orbita attorno a una stella nana bianca che potrebbe ospitare acqua e quindi vita.

Un anello di detriti tempestato di strutture delle dimensioni di una luna è stato osservato in orbita vicino a una stella nana bianca, nota come WD1054-226 nella Via Lattea.

Gli esperti in Gran Bretagna affermano che la stella nana ha bruciato tutto l’idrogeno che ha usato come combustibile nucleare, riporta il Times.

Allude al pianeta vicino nell’area nota perchè potrebbe esistere la zona abitabile, secondo uno studio condotto dagli scienziati dell’University College London (UCL).

La vita esiste su un pianeta a 117 anni luce da noi

I ricercatori hanno misurato la luce della stella nana bianca utilizzando i dati dei telescopi e hanno pubblicato le loro scoperte nelle note mensili della Royal Astronomical Society.

Hanno detto che la stella è stata osservata a 117 anni luce di distanza (tre miliardi di volte maggiore della distanza dalla Terra alla Luna).

I cambiamenti nella luce in 18 notti sono stati registrati utilizzando una fotocamera ad altissima velocità su un telescopio presso l’Osservatorio di La Silla in Cile.

Sono stati trovati cali di luce corrispondenti a 65 nubi di detriti equidistanti in orbita attorno alla stella ogni 25 ore.

Tuttavia, hanno avvertito che sono necessarie ulteriori informazioni per confermare la presenza di un pianeta.

La Royal Astronomical Society ha dichiarato: “Si pensa che il pianeta sia di dimensioni simili a quelle dei pianeti terrestri nel nostro sistema solare. La distanza approssimativa tra il pianeta e WD1054–226 è di circa l’1,7% della distanza Terra-Sole (circa 2,5 milioni di km)“.

Hanno scoperto che la luce di WD1054–226 era sempre in qualche modo oscurata da enormi nubi di materiale orbitante che le passavano davanti, suggerendo un anello di detriti planetari in orbita attorno alla stella“.

La zona abitabile è l’area in cui la temperatura teoricamente consentirebbe all’acqua liquida di esistere sulla superficie di un pianeta. Rispetto a una stella come il Sole, la zona abitabile di una nana bianca sarà più piccola e più vicina alla stella poiché le nane bianche emettono meno luce e calore“.

fonte@DailyStar

Next Post

Marte è come la Terra, la Nasa nasconde i veri colori

Il noto archeologo virtuale Scott Waring si è detto convinto del fatto che la NASA “colori” deliberatamente immagini marziane nei “classici” colori rossi familiari alla gente comune. Secondo il ricercatore, circa il 40% delle fotografie di Marte hanno falsi colori. A volte gli stessi scienziati della NASA avvertono di questo […]
Marte come la Terra la Nasa nasconde i veri colori