Luna, dal 2021 disponibili i funerali sul nostro satellite

VEB

Nell’ambito di un servizio funebre commerciale che è stato combinato con la missione lunare della NASA, le ceneri delle persone decedute verranno inviate sulla luna nel 2021. Per il volo, Celestis fornirà più di una dozzina di capsule che contengono DNA umano e ceneri.

La NASA inizierà la missione Luna 2 nel luglio 2021. Verrà inviata nella regione della luna chiamata Lacus Mortis. Finora solo una persona è stata sepolta sulla superficie lunare, si tratta del famoso scienziato planetario Eugene Shoemaker.

Celestis ha sede a Houston. Il sito ufficiale dice che le capsule commemorative con le ceneri rimarranno sulla luna come rispetto per le anime di quelle persone che hanno lottato per le stelle per tutta la vita.

Luna dal 2021 disponibili i funerali sul nostro satellite

I resti di autori di fantascienza, astronauti, scienziati e un insegnante di matematica dalla Gran Bretagna saranno inviati sulla Terra il prossimo anno.

Per trasferire le capsule sulla luna e seppellirle, l’unità robotica americana Astrobotic ha costruito una speciale navicella spaziale chiamata Peregrine Lander. Sarà la prima navicella spaziale americana ad atterrare su un satellite dopo Apollo.

La Peregrine Mission One sarà lanciata con un razzo Vulcan Centaur United Launch Alliance dalla Florida. Le capsule rimarranno sulla luna come monumento permanente. Vale la pena notare che questo metodo per onorare i morti sta diventando sempre più popolare e molti vorrebbero che le loro ceneri venissero inviate nello spazio.

Celestis non è l’unica azienda che offre servizi di smaltimento dello spazio.

Next Post

Chapare, il nuovo virus che si diffonde in Sud America

I ricercatori hanno stabilito che il virus mortale Chapare, che si diffonde in Sud America e provoca gravi emorragie, può essere trasmesso da persona a persona. Il virus Chapare è diverso dall’Ebola e appartiene a diversi gruppi di virus, ma entrambi possono provocare febbre emorragica. Per la prima volta, gli […]
Chapare il nuovo virus che si diffonde in Sud America

Possono interessarti