Microsoft immerge i server nel liquido refrigerante

Redazione

Microsoft utilizza un sistema liquido a 50 gradi Celsius per raffreddare i server nei suoi data center, un modo per dissipare la temperatura dei suoi componenti elettronici attraverso un liquido bollente. Secondo l’azienda, questo nuovo sistema è più efficace dell’uso di ventole e funziona grazie alla creazione di un circuito chiuso in cui le apparecchiature elettroniche non vengono danneggiate.

Microsoft immerge i server nel liquido refrigerante
Le schede del server immerse nel liquido dielettrico Novec

In primo luogo, i test di questo sorprendente sistema di raffreddamento hanno avviato i server dei suoi servizi cloud Azure. L’ immersione bifasica , come viene chiamata la procedura, consente a Microsoft di utilizzare un liquido dielettrico che non porta elettricità denominato Novec, creato dall’azienda 3M e ha la caratteristica di bollire a 50 gradi Celsius senza danneggiare i componenti elettronici.

Il processo funziona mantenendo una temperatura costante all’interno di un circuito chiuso in cui, dopo aver raffreddato il server e la successiva ebollizione del liquido, un condensatore riconverte il vapore in un liquido per continuare il processo, come descrive Microsoft in una nota esplicativa.

Il funzionamento stesso dei server fa bollire il liquido, che rimuove il calore dai processori del computer. La temperatura massima di 50 gradi consente ai server di funzionare normalmente senza il rischio di danni da surriscaldamento causato da un liquido come l’acqua bollente.

Siamo il primo fornitore di servizi cloud a utilizzare il raffreddamento a immersione bifasico in un ambiente produttivo“, ha affermato Husam Alissa, Microsoft Hardware Engineer per Advanced Data Center Development a Redmond, Washington.

Altre aziende hanno già fatto questo tipo di esperimento con il raffreddamento a liquido, poiché Intel ha utilizzato Novec stessa per raffreddare un supercomputer e SGI ha anche studiato la sua fattibilità.

Next Post

Scoperto in che modo viene rilasciato l'ormone del piacere

I biologi americani hanno scoperto che i neuroni responsabili della produzione di dopamina decidono da soli quando e quanto rilasciare l’ormone del piacere nel cervello, e non si affidano a segnali provenienti dalle reti neurali, come si pensava in precedenza. I risultati dello studio sono pubblicati sulla rivista Cell Reports. […]
Scoperto in che modo viene rilasciato ormone del piacere