OMS: Prossima pandemia inevitabile dopo il Covid

Redazione

L’OMS lancia l’allarme dopo il fallimento nella distribuzione dei vaccini per il Covid-19.

L’organizzazione vede la lotta contro l’attuale pandemia come un “fallimento per l’umanità“, soprattutto nella distribuzione dei vaccini

L’Organizzazione mondiale della sanità (Oms) sta preparando un trattato globale sulle pandemie, considerando che la prossima sarà inevitabile.

L’OMS classifica la lotta contro la pandemia di covid-19 un “fallimento per l’umanità”, in particolar modo sulla commercializzazione di vaccini, che lascia dietro di sé la parte più vulnerabile del mondo non assistito.

Questa pandemia, dopo l’influenza spagnola, è stata la più impattante ed è anche un’osservazione: penso che il mondo abbia bisogno di svegliarsi perché vediamo che non sono stati solo i paesi in via di sviluppo a essere colpiti. Ha colpito il mondo intero, nessuno era preparato. L’Assemblea mondiale della sanità, ora a novembre, discuterà la possibilità di sviluppare un trattato per le pandemie“, spiegano.

La prossima pandemia come arriverà

OMS Prossima pandemia inevitabile dopo il Covid

L’avidità del mercato si è rivelata straordinaria durante la vaccinazione covid-19. 

Circa il 70% dei vaccini è stato distribuito finora in soli 10 paesi. Il consorzio Covax Facility, guidato dall’OMS per distribuire le dosi ai paesi poveri, ha fallito. 

Verrà raggiunto meno del 30% dell’obiettivo di 2,5 miliardi di dosi entro il 2021. A ciò si aggiunge l’emergenza climatica e la devastazione delle aree forestali. 

Non si sa con certezza come o dove, ma è probabile che la prossima pandemia emerga con l’avanzata dell’agrobusiness nelle aree protette.

In effetti, ci sono due opzioni che sono in cima alla lista dei rischi. L’avanzata della devastazione e l’emergere di batteri super resistenti. 

Il direttore della Divisione di Malattie Infettive presso la Vanderbilt University School of Medicine, USA, David Aronoff, afferma che “è come se vivessimo in una strada piena di angoli di strada“. 

Tante le infezioni che resistono agli antibiotici

Dice di essere “particolarmente preoccupato per le infezioni resistenti agli antibiotici su cui pensavamo di avere il controllo, ma poi lo abbiamo perso. La gonorrea è un buon esempio. È sempre più difficile da curare con gli antibiotici e più facile da diffondere”.

Il tema della devastazione va di pari passo con il costante aumento del consumo di proteine ​​animali. 

Le ultime epidemie come AIDS, Ebola, influenza aviaria, SARS, Mers e covid-19 nascono dal contatto umano con animali selvatici. Anche l’influenza spagnola non compare in Spagna. Inizia negli allevamenti di suini negli Stati Uniti.

Quando sovraffolliamo le fattorie con migliaia di animali nello spazio di un campo da calcio, che stanno con la zampa accanto all’anatra, oltre allo stress che permea i loro corpi e abbatte il loro sistema immunitario, c’è l’ammoniaca che distrugge i loro polmoni e una mancanza di fresco respiro e sole: tutti questi fattori insieme sono la strada giusta da percorrere per chi vuole creare un’epidemia in fretta “, sottolinea Michael Greger, biologo e scrittore di aviaria: un virus con il nostro senso di colpa , per Vox.

Next Post

Osservatorio Piccole Imprese di GoDaddy 2021, le PMI italiane accelerano sul digital

Accelerazione sul digitale, in un momento particolarmente decisivo: durante la pandemia, le PMI italiane si sono rimboccate le maniche e hanno raggiunto un livello di digitalizzazione decisamente competitivo. Lo rivela il nuovo Osservatorio Piccole Imprese 2021 di GoDaddy in una ricerca cross-europea realizzata con Kantar su 5.100 piccole e medie […]
Osservatorio Piccole Imprese di GoDaddy 2021,