Ansia: Aumenta anche con alcuni cibi

Redazione

L’ansia può aumentare anche consumando alcuni cibi.

L’ansia, nel campo della psicologia, prepara il corpo a combattere situazioni pericolose. Secondo gli esperti, il livello estremo di ansia, che è probabile che si verifichi nella vita quotidiana, è foriero di un disturbo psicologico.

Le persone con disturbi d’ansia sperimentano uno stato di preoccupazione costante e intenso.

La paura di queste persone può trasformarsi in attacchi di panico e interrompere le loro attività quotidiane. Esistono dei cibi che possono essere controindicati per lo sviluppo dell’ansia.

Ansia Aumenta anche con alcuni cibi

Quali cibi sono controindicati per l’ansia?

La caffeina prende l’iniziativa nell’aumentare l’ansia. Anche la caffeina, utile al mattino per svegliarti, scatena seriamente l’ansia.

Inoltre, la caffeina non è solo nel caffè; Si trova anche nel cioccolato, in alcuni tè ed altri prodotti. Difficoltà a dormire, vertigini, tensione e palpitazioni cardiache si verificano a causa del consumo eccessivo di caffè.

Inoltre, tutti questi sono tra i sintomi dell’ansia, molto spesso avvertendo tali sintomi, si comincia a farsi prendere dal panico ed entrare facilmente in un circolo vizioso.

Si consiglia di non consumare caffeina in situazioni che possono scatenare ansia.

Data la sua economicità e la sua facile accessibilità, il fast food sembra un’ottima alternativa. Tuttavia, scientificamente in realtà non è così buono.

Secondo uno studio del 2012, coloro che consumano fast food hanno il 51% di probabilità in più di essere depressi rispetto a quelli che non lo fanno.

I cosiddetti “cibi spazzatura” sono amati da milioni di persone in tutto il mondo. Tuttavia, è necessario essere moderati nel consumare tali alimenti, perchè la maggior parte degli ingredienti possono causare ansia. Pertanto, converrebbe, nel caso, fare degli spuntini più sani.

Il glutine, una parte importante della cultura alimentare, è uno dei principali fattori scatenanti dell’ansia. Per affrontare questo problema, ridurre l’orzo, la segale e i prodotti a base di grano sarebbe una buona mossa.

Puoi scegliere pasta di verdure al posto dei prodotti contenenti glutine, e piatti preparati con patate dolci al posto delle patate normali.

fonte@Mynet.com

Next Post

Studiati gli effetti del coronavirus sul cervello

Sono stati studiati gli effetti del coronavirus sul cervello, il virus può colpire in diversi modi. La ricerca scientifica mostra che il coronavirus provoca “nebbia cerebrale” e altri sintomi neurologici attraverso molteplici meccanismi. Nuove prove suggeriscono che l’attacco del coronavirus al cervello può assumere forme diverse. Può attaccare direttamente alcune […]
Studiati gli effetti del coronavirus sul cervello