Studiati gli effetti del coronavirus sul cervello

Redazione

Sono stati studiati gli effetti del coronavirus sul cervello, il virus può colpire in diversi modi.

La ricerca scientifica mostra che il coronavirus provoca “nebbia cerebrale” e altri sintomi neurologici attraverso molteplici meccanismi.

Nuove prove suggeriscono che l’attacco del coronavirus al cervello può assumere forme diverse.

Può attaccare direttamente alcune cellule cerebrali, ridurre il flusso sanguigno al tessuto cerebrale o innescare la produzione di molecole immunitarie che possono danneggiare le cellule cerebrali.

In sintesi, il coronavirus può causare perdita di memoria e paralisi. La perdita di memoria può essere a lungo termine o può verificarsi in ritardo.

La ricerca mostra che il Covid-19 può infettare gli astrociti, un tipo di cellula che è abbondante nel cervello e ha molte funzioni. Gli astrociti supportano le normali funzioni cerebrali.

Studiati gli effetti del coronavirus sul cervello

Svolgono molti compiti, incluso fornire sostanze nutritive per mantenere in funzione i neuroni o le cellule nervose. Tale cellula nutre i neuroni immagazzinando glicogeno e convertendolo in glucosio quando necessario.

Mantiene anche le cellule endoteliali che formano la barriera emato-encefalica.

Pertanto, è stato riferito che gli astrociti infetti possono essere la causa di alcuni dei sintomi neurologici associati a Covid-19, in particolare affaticamento, depressione e “nebbia del cervello” che include confusione e dimenticanza.

Confrontando le immagini del cervello delle persone prima e dopo aver contratto il coronavirus, è stata riscontrata una perdita di materia grigia in varie aree della corteccia cerebrale.

Gli esperti dicono che avviene attraverso la mucosa olfattiva, che funge da rivestimento della cavità nasale, che è la via più breve per il Covid-19 per raggiungere il cervello. Perché il virus si trova solitamente nella cavità nasale.

Ci sono prove che Covid-19 può influenzare il cervello riducendo il flusso sanguigno al cervello, compromettendo la funzione dei neuroni e infine uccidendoli.

Vi sono anche prove crescenti che alcuni sintomi e danni neurologici sono il risultato di una reazione eccessiva del sistema immunitario del corpo e persino di una mancata accensione dopo aver incontrato il coronavirus.

Next Post

Quali sono le migliori posizioni per dormire bene a letto

Dormire bene la notte è davvero importante per poter affrontare sempre al meglio qualsiasi attività, incombenza o impegno che ci attende nella routine quotidiana. La qualità del sonno spesso dipende da quello che mangiamo prima di andare a letto, così come anche dall’orario che scegliamo per coricarci (ricordiamo che è […]
Quali sono le migliori posizioni per dormire bene a letto