Asi, arrivano i nuovi satelliti saranno piccoli e non inquinanti

Oggi tutto ruota intorno al nostro ecosistema, se vogliamo proseguire in modo migliore e il più a lungo possibile, la nostra permanenza su questo pianeta, dobbiamo cercare di curarlo ma soprattutto cercare di prevenire ogni forma di inquinamento.

L’attenzione all’ambiente è sempre più alta, per fortuna aggiungeremo noi: nelle stesse ore in cui arrivano notizie di isole green, che sono autosufficienti energicamente attraverso fonti di energia rinnovabili, e case che producono più energia di quanta ne utilizzino, a Capua è in corso un importante convegno, dove si è sottoscritto un fondamentale Protocollo.

Durante il convegno tenuto presso il Centro Italiano di Ricerche Aerospaziali (Cira) e organizzato da Asi, Cira e Agenzia Spaziale Europea (Esa), si è stabilito che, grazie anche alle nuove tecnologie,  i satelliti dopo avere svolto la loro funzione saranno in grado di autodistruggersi intelligentemente senza procurare danni o inquinamento e, consentendone il recupero, favorire il riciclaggio dei materiali.

I mini satelliti, ha spiegato il presidente del Cira, Luigi Carrino, hanno un peso inferiore rispetto ai grandi, da pochi chili a qualche centinaio, con il vantaggio che hanno costi di lancio più bassi e sono alla portata anche di piccole imprese.

“Formeranno costellazioni numerose, in grado di passare anche dopo poche ore sullo stesso luogo, a differenza dei grandi satelliti, In questo modo permetteranno di avere una immagine dinamica e non statica della Terra, come un filmato”, spiega poi Battiston, presidente dell’Asi.

Next Post

Nasa, Kepler 452b potrebbe essere un pianeta gemello alla Terra

Il telescopio spaziale Kepler della Nasa ha fatto un’altra importantissima scoperta: la sonda definita “cacciatore di pianeti” ha infatti scovato un nuovo pianeta dalle caratteristiche a di poco sorprendenti. Il pianeta si chiama Kepler 452B e ha un diametro inferiore al doppio di quello terrestre, si trova ad orbitare a una […]