Astronauta rivela: Gli alieni esistono e vivono sulla Terra
Astronauta rivela Gli alieni esistono e vivono sulla Terra

La dottoressa Helen Sharman è diventata un’eroina nazionale quando, all’età di 27 anni, è diventata la prima donna britannica ad andare nello spazio rispondendo a un annuncio di lavoro che aveva sentito alla radio mentre tornava a casa dal lavoro.

Gli alieni esistono e potrebbero vivere, in modo del tutto invisibile, in mezzo a noi sulla Terra, questo è quanto asserisce la prima “eroina” spaziale britannica.

La dott.ssa Helen Sharman era una chimico alimentare a 27 anni quando visitò la stazione spaziale russa Mir nel maggio 1991.

Ha fatto domanda ed è stata selezionata, battendo oltre 13.000 candidati, dopo aver risposto ad una chiamata per potenziali astronauti, alla radio, mentre tornava a casa dal lavoro.

A quasi 30 anni dalla sua storica conquista, l’eroina nazionale nata a Sheffield, ha affermato che la vita extraterrestre potrebbe esistere proprio sotto il nostro naso.

Helen Sharman: Prima donna britannica nello spazio (Foto@Wikipedia)

Sharman, 56 anni, ha dichiarato all’Observer Magazine: “Gli alieni esistono, ci sono così tanti miliardi di stelle là fuori nell’universo che ci devono essere tutti i tipi di diverse forme di vita“.

Saranno come te e me, fatti di carbonio e azoto? Forse no. È possibile che siano qui in questo momento e semplicemente non li possiamo vedere.”

Poi ha proseguito l’intervista rivelando come si sentiva ad essere l’unica ragazza delle lezioni di scienze di livello A e come non si è mai lasciata definire dal suo genere.

Alcuni la chiamano la “prima donna britannica nello spazio“, anche se è stata la prima persona britannica nello spazio in generale.

Sharman afferma: “alcune persone si sono semplicemente dimenticate di me” quando l’astronauta britannico Tim Peake ha seguito le sue orme nel 2015.

Nel 2013, l’agenzia spaziale britannica ha descritto Peake come il primo astronauta ufficiale del Regno Unito.

La dott.ssa Sharman ha affermato che la norma di solito è legata ad un uomo che va per primo nello spazio ed è felice di aver “sconvolto quell’ordine“.

Più di 13.000 persone avevano chiesto di essere il primo cittadino britannico nello spazio nel Progetto Juno, un programma spaziale britannico privato che aveva in parte lo scopo di migliorare le relazioni tra Londra e Mosca.

Un annuncio recitava: “Nessuna esperienza necessaria.

La dottoressa Sharman ha seguito un addestramento rigoroso con altri tre candidati ed è stata selezionata per prendere parte alla missione di otto giorni.

Ha detto all’Observer Magazine che non dimenticherà mai la sensazione di guardare la Terra dallo spazio per la prima volta, confermando che “non c’è bellezza più grande“.

Loading...
Potrebbero interessarti

Annabel, i neuroni artificiali imparano a parlare

Si chiama ANNABEL il modello cognitivo simulato al computer elaborato nell’Università di…

Spotify lancia la sfida a Youtube sui video online

Nei giorni scorsi abbiamo parlato della scesa in campo della Apple che…