Aveva 16 personalità diverse, poi scoperta la verità

Redazione

Shirley Mason, il soggetto del libro del 1973 ‘Sybil‘, ha suscitato un fascino a livello mondiale quando ha affermato di avere 16 personalità distinte e separate.

Nel 1973 il mondo rimase scioccato dalla vera storia di una donna con 16 alter ego diversi, portando a un’ossessione della cultura popolare per il disturbo di personalità multipla che esiste ancora oggi.

Aveva 16 personalita diverse poi scoperta la verita

Ma la paziente al centro di tutto, confessò in realtà che stava fingendo tutto.

Il disturbo di personalità multipla (MPD), o disturbo dissociativo dell’identità, è una condizione molto rara di cui si sa ancora poco.

Da sempre hanno attratto Hollywood ed il cinema, basti pensare a pellicole come Psycho o il più recente Split, che ritraggono tutti una versione drammatizzata del disturbo in cui i pazienti si comportano in modo completamente diverso a seconda di quale “alter ego” comanda in un determinato momento.

Ma tutto è iniziato con il libro del 1973 Sybil: The True and Extraordinary Story of a Woman Possessed by Sixteen Separate Personalities.

Il bestseller racconta la storia di Sybil (vero nome Shirley Mason) e delle sue scoperte con la psicoanalista Cornelia Wilbur negli anni ’50 e ’60.

Cresciuta con i genitori avventisti del settimo giorno in una fattoria del Minnesota, Shirley è diventata una giovane donna ansiosa afflitta da paure irrazionali che la sua casa sarebbe bruciata o che avrebbe contratto malattie leggendo libri.

In uno dei suoi primi appuntamenti con la dottoressa Wilbur, Shirley ha affermato di essersi trovata spesso in situazioni strane senza la minima idea di come fosse finita lì, una volta che aveva aperto gli occhi in un negozio di antiquariato sconosciuto dall’altra parte di New York.

La dottoressa Wilbur credeva che Shirley stesse sperimentando “stati di fuga“, in cui un paziente può diventare inconsapevole di ciò che lo circonda per ore e le prescrisse una serie di farmaci.

Al successivo appuntamento Shirley sembrava strana, e quando le è stato chiesto se stava bene ha risposto: “Sto bene, ma Shirley no. Era così malata che non poteva venire. Così sono venuto io“.

Ha affermato di essere una donna di nome “Peggy” che esisteva nella mente di Shirley, ma ha parlato e ha agito in modo nettamente diverso.

Negli anni seguenti il ​​dottor Wilbur portò alla luce più personalità coesistenti all’interno di Shirley, da una “bionda sofisticata e attraente” a un falegname maschio fin anche ad un bambino.

Sybil alla fine avrebbe dettagliato un elenco completo di 16 alter ego: Victoria, Peggy Lou, Peggy Ann, Mary, Marcia Lynn, Vanessa, Mike, Sid, Nancy, Sybil, Ruthie, Clara, Helen, Marjorie e qualcuno conosciuto solo come “The Blonde”.

Nel corso del tempo gli alter ego hanno rivelato dettagli inquietanti sull’infanzia di Shirley, tra cui l’essere costretti a guardare i suoi genitori fare sesso ed essere molestati da sua madre.

La dottoressa Wilbur ha deciso di scrivere un libro sul fenomeno e ha convinto Shirley a dedicarsi alla terapia a tempo pieno, trascorrendo più di 15 ore a settimana nel suo studio di psicoanalista.

A questo punto era dipendente da farmaci da prescrizione, la giornalista Flora Rheta Schreiber scrisse un libro sulla base delle sue conversazioni con la dottoressa Wilbur, dando a Shirley lo pseudonimo di Sybil Dorsett.

La sua pubblicazione fece scalpore, vendendo più di sette milioni di copie. Un adattamento televisivo del 1976 con protagonista Sally Field è stato visto da più di 40 milioni di persone.

I suoi temi toccarono un nervo scoperto del pubblico, che all’epoca era ossessionato da tendenze psicologiche come i ricordi recuperati di traumi, che costituirono la base dell’isteria di “panico satanico“.

Molti lettori hanno scritto all’autore per confessare che credevano di avere più personalità.

Le diagnosi del disturbo (soprattutto tra le donne) aumentarono rapidamente, in coincidenza con l’inserimento per la prima volta di MPD nel Manuale diagnostico e statistico dei disturbi mentali nel 1974.

Prima del 1970 a meno di 200 persone era stato diagnosticato qualcosa di simile a MPD, ma un decennio dopo c’erano centinaia di casi ogni anno, dice Richard Beck nel libro del 2015 We Believe The Children.

I terapisti hanno trovato pazienti con MPD con dozzine di personalità alterate“, scrive.

Man mano che il numero degli alter aumentava, aumentava anche la presunta violenza e brutalità dell’abuso che li aveva portati all’esistenza“.

Ma le conseguenze di Sybil ignorarono un fatto chiave: Shirley aveva confessato anni prima di aver inventato tutto.

Quattro anni dopo le sue sedute di terapia con Wilbur, le scrisse una lettera in cui affermava: “Non ho personalità multiple. Non ho nemmeno un doppione di me“.

Ho sostanzialmente mentito, lo so. Non avevo intenzione di mentire all’inizio. Sono caduta in uno schema, ho scoperto che funzionava e ho continuato a costruire su di esso.

Ha detto di essere “sconvolta e disperata” il giorno in cui si è presentata per la prima volta come “Peggy“, e ha trovato “piuttosto elettrizzante” scomparire per ore e fingere di non avere idea di dove fosse stata.

Shirley ha aggiunto che non pensava che la MPD fosse reale, definendo gli altri pazienti “isterici con niente di meglio da fare“. Ha anche ammesso che le sue accuse di abusi sessuali erano bugie.

Wilbur ha liquidato la lettera come una “grande manovra difensiva“, dicendo a Shirley che ha solo dimostrato quanto fosse veramente traumatizzata.

Shirley in seguito compose una seconda lettera in cui incolpava uno dei suoi alter per aver scritto la prima.

Oggigiorno gli esperti vedono la MPD come un meccanismo di coping comune nelle persone che affrontano un trauma.

Molti di noi trovano il modo per distaccarsi da esperienze dolorose o spiacevoli“, ha detto il dottor David Spiegel dell’American Psychiatric Association.

Next Post

Impianti cerebrali consentiranno di decidere lo stato d'animo

Un gruppo di scienziati coreani ha sviluppato un impianto cerebrale con LED delle dimensioni di un granello di sale che potrebbe controllare i nostri stati d’animo tramite uno smartphone. I ricercatori del Korea Advanced Institute of Science and Technology (KAIST) hanno persino scoperto come caricare il dispositivo dall’esterno del corpo. […]
Impianti cerebrali consentiranno di decidere lo stato animo