Uno studio rivela la vera identità dei Re Magi

Redazione

Il Natale è uno degli eventi più importanti del calendario cristiano, ma per secoli gli studiosi hanno litigato con i credenti sulla legittimità di diversi aspetti della Bibbia.

Uno studio rivela la vera identita dei Re Magi

Il testo religioso racconta la storia della nascita di Gesù Cristo attraverso i vangeli di Luca e Matteo. Si dice che quasi 2000 anni fa un angelo di nome Gabriele fosse apparso a Maria e le disse che avrebbe avuto un figlio, Gesù, che sarebbe stato il Figlio di Dio. Maria e il suo futuro marito, Giuseppe, fecero il viaggio a Betlemme, dove Gesù nacque in una stalla dopo che i due avevano lottato per trovare un posto dove stare.

Qualche tempo dopo, tre “Re Magi“, o magi, dei paesi orientali videro una stella nel cielo che segnalava la nascita di un nuovo re.

Si dice che si siano recati in Giudea, la regione intorno a Gerusalemme e Betlemme, per adorare Gesù, il nuovo re, ma vengono forniti pochi dettagli su chi fossero realmente.

Il sacerdote e scrittore cattolico Dwight Longenecker ha cercato a lungo di saperne di più sulla misteriosa visita e se poteva svelare la loro vera identità.

Ha detto: “Per determinare chi fossero veramente i Re Magi, dobbiamo prima scompattare la storia come la maggior parte delle persone la comprende“.

La storia che Matteo racconta ha pochi dettagli, ma i dettagli che siamo arrivati ​​ad accettare sono stati aggiunti nei primi tre secoli della Chiesa. Gli scrittori gnostici dell’epoca erano simili ai credenti New Age di oggi. Erano incantati dalla magia, dalle teorie esoteriche e dall’occulto“.

Gli gnostici hanno scritto resoconti estesi della nascita di Gesù che hanno evidenziato l’elemento miracoloso e le origini esotiche dei Re Magi“.

Il signor Longenecker ha continuato esponendo gli ostacoli che ha affrontato nel tracciare la storia.

Ha aggiunto: “Quando il centro della cristianità si spostò a nord e ad ovest verso l’Asia Minore, la Grecia e Roma, l’indicazione di Matteo che i Re Magi provenivano ‘dall’Oriente’ suggerì che provenissero dalla Persia“.

In poco tempo, la versione completa della storia circolò. Indovini e osservatori delle stelle – re della Persia, dell’India e dell’Africa – hanno seguito una stella magica attraverso le sabbie del deserto sui cammelli, arrivando finalmente dopo un lungo e pericoloso viaggio per adorare il bambino Cristo“.

Il problema è che ben poco di quella versione della storia è nel Vangelo di Matteo. L’apostolo non dice che sono re. Non li conta come tre. Non dice che cavalcavano i cammelli. Non dice che hanno seguito una stella magica e non dice che hanno intrapreso un lungo viaggio“.

“Scrive semplicemente:” I saggi sono venuti dall’Est “.

Hanno visto la sua stella. Sono venuti alla corte di Erode il Grande. Hanno portato doni d’oro, incenso e mirra “.

L’autore ha spiegato come ha cercato nella Bibbia “indizi sull’identità dei Re Magi“.

Aveva così trovato un passaggio in Isaia 60 che sarebbe diventato fondamentale per la sua teoria.

Si legge: “Poiché le ricchezze del mare saranno versate davanti a te, le ricchezze delle nazioni verranno a te. Carovane di cammelli vi copriranno, dromedari di Madian ed Efa, tutti verranno da Saba portando oro e incenso e annunciando le lodi del Signore“.

Tutti i greggi di Kedar saranno radunati per te, gli arieti di Nebaioth soddisferanno i tuoi bisogni“.

Il signor Longenecker ha spiegato in dettaglio come è arrivato ad una svolta.

Ha aggiunto: “Con un po ‘di ricerca ho scoperto che Madian, Efa, Kedar e Nebaioth erano tutte località o nomi di tribù dell’Arabia nordoccidentale. Partendo da lì ho scoperto che durante il tempo della nascita di Gesù quel territorio era occupato dal regno di Nabatea“.

I Nabatei avevano stretti legami con Erode il Grande. Inoltre, la loro religione era radicata nell’astrologia e, come molti popoli dell’epoca, cercavano un messia“.

I dettagli si sono combinati in modo sorprendente per svelare il segreto che i Re Magi erano davvero figure storiche“.

L’autore ha quindi avanzato la sua teoria sulla vera identità dei Tre Re Magi.

Ha proseguito: “Proprio al tempo della nascita di Gesù il re nabateo, Areta IV, aveva una forte motivazione a inviare diplomatici alla corte di Erode con ricchi doni“.

Apprendendo la nascita di un nuovo re degli ebrei attraverso lo studio delle stelle, hanno intrapreso il loro viaggio storico. Provenendo dal regno vicino, non era molto lontano, ma era significativo perché non erano solo diplomatici che portavano offerte di pace“.

Erano uomini saggi in una ricerca spirituale per trovare il loro vero re e la fonte della vera saggezza.”

Ma ci sono state diverse teorie sulla reale identità dei Tre Re Magi nel corso dell’anno grazie alla mancanza di descrizione data nel Vangelo di Matteo.

La frase “dall’est“, si traduce in “dal sorgere [del Sole]“, ed è l’unica informazione che Matteo fornisce sulla regione da cui provengono.

L’impero dei Parti, centrato in Persia, si estendeva dalla Siria orientale ai margini dell’India, quindi rintracciare i tre uomini diventa quasi impossibile.

Next Post

Beethoven, scoperto il segreto del suo metronomo

Un gruppo di scienziati spagnoli, utilizzando metodi di elaborazione dei big data, hanno analizzato la velocità di riproduzione delle opere di Beethoven da parte di diversi direttori e sono giunti alla conclusione che il grande compositore interpretava in modo errato le letture del metronomo e, quindi, ha erroneamente indicato il […]
Beethoven scoperto il segreto del suo metronomo