Buoni pasto di carta addio: niente spesa con i buoni elettronici
Buoni pasto di carta addio niente spesa con i buoni elettronici

Con i buoni pasto elettronici, finiscono i tempi in cui con i buoni pasto si poteva fare allegramente la spesa.

I buoni pasto di carta resteranno, forse fino a esaurimento, ma ci saranno incentivi fiscali finalizzati a cambiarli con quelli elettronici.

I nuovi tecnologici buoni elettronici garantiscono per il pasto giornaliero massimo 7 euro e si possono spendere solo nelle giornate lavorative.

Tutto questo è stato previsto nella legge di stabilità. Una vera rivoluzione per certi lavoratori abituati a utilizzare questo strumento, nato in sostituzione della mensa aziendale, per fare la spesa.

I buoni elettronici sono più facili da controllare e rintracciare, perciò dovrebbero consentire meno sprechi e un uso legale del buono.

Alfredo Dolfi della giunta della Confesercenti di Prato ci tiene a sottolineare che: “Un mercato in Italia del valore annuo di oltre 2,5 miliardi di euro che ha bisogno di essere adeguatamente disciplinato. La prevista defiscalizzazione rappresenta un primo passo verso questa direzione”.

“La Confesercenti ha più volte sollecitato iniziative che consentissero concretamente di tutelare anche i diritti e gli interessi degli esercizi di somministrazione di alimenti e bevande, oggi così tanto penalizzati”.

Il buono pasto elettronico obbliga, come da legge, il consumatore a un uso giornaliero dello strumento con il quale, nello stesso locale, può ricevere un solo pasto.

“La legge in vigore – prosegue Dolfi – garantisce la possibilità di tracciare i nuovi ticket elettronici e quindi di scoraggiare eventuali abusi”.

I vantaggi dei buoni pasto elettronici sono diversi:

  • miglioramento dell’organizzazione del servizio;
  • semplificazione del processo amministrativo;
  • riduzione dei costi di gestione;
  • maggiore celerità nei pagamenti;
  • eliminazione del rischio di accettazione dei buoni pasto rubati, falsificati o scaduti;
  • eliminazione di eventuali errori di rendicontazione (fattura automatica) con possibilità
  • di ottenere report giornalieri;
  • eliminazione della necessità di consegna o spedizione dei buoni;
  • annullamento del rischio di smarrimenti e furti.

Loading...
Potrebbero interessarti

Lavoro, la Commissione della Camera approva l’abolizione dei voucher

Lavoro, la Commissione competente della Camera approva l’abolizione dei voucher. Lavoro, la…

CNA, 70 milioni di buoni lavoro venduti nel 2014

Per la CNA, Confederazione Nazionale dell’Artigianato, 70 milioni di buoni lavoro, o…