Castagne e marroni, ecco cosa li differenzia
Castagne e marroni ecco cosa li differenzia

L’autunno è ormai arrivato, con le sue temperature più pungenti, le prime piogge tempestose, i piumini da tirare fuori dall’armadio e le prime stufette da accendere.
Ma soprattutto ci sono i primi cibi stagionali da gustare: l‘uva ad esempio, ma anche broccoli, carciofi e soprattutto castagne?

A chi di voi, non appena ha letto, non è venuta voglia di una caldarrosta? Di una bella castagna profumata da gustare bollente appena tolta dal fuoco?

Ma sovente si tende a chiamare indifferentemente, con lo stesso nome, sia le castagne che i marroni: qual è allora la differenza?

Comunemente si pensa che i marroni siano semplicemente castagne più grosse, ma in realtà ci sono caratteristiche distintive ben classificate: innanzitutto la buccia del marrone deve essere di colore mogano chiaro con striature di colore scuro che corrispondono a rilievi della buccia avvertibili al tatto.

Il frutto poi deve essere rigorosamente di forma ovale-allargata o ovale-ellittica, con la buccia sottile che non deve essere penetrante nella polpa del seme e di facile asportazione.

A cambiare, poi è anche la “fonte”: la castagna è il frutto di un albero selvatico mentre il marrone è il frutto di una pianta coltivata, e mentre il riccio della castagna può contenere fino a 7 frutti, quello del marrone può contenerne fino a 3 al massimo.

Loading...
Potrebbero interessarti

Grigio e verde o rosa e bianco, illusione ottica che ancora divide il web

Grigio e verde o rosa e bianco, l’illusione ottica che da molte…

Test: Riesci a trovare il cane nell’immagine?

Un test visivo per il quale hai a disposizione pochi secondi. Guarda…