Cerchi casa? Il web risponde
Cerchi casa Il web risponde

I repentini cambiamenti economico sociali hanno inevitabilmente influito sul mercato immobiliare e sul settore degli affitti. Le odierne e variegate esigenze d’affitto si presentano assai differenti rispetto al passato e necessitano di risposte professionali e adeguate, lungo tale prospettiva il ricorso al web si rivela quantomai indispensabile per la ricerca di affitti nel breve e lungo termine. In particolare, ricorrendo alla piattaforma web e mobile di Gromia, entrare in contatto con coloro i quali cercano o affittano una casa diventa più semplice e veloce. La missione di Gromia è quella mettere in contatto conduttori ed affittuari in maniera semplice, attraverso annunci trasparenti e descrizioni verificate. Senza costi nascosti e con commissioni fino al 70% più basse rispetto a quelle di mercato, Gromia gestisce con professionalità e ad ampio raggio tutto ciò che ruota intorno al mondo degli affitti, inclusa la parte burocratica e la riscossione.

Con comprovata esperienza nel settore, gromia.com opera in un’ottica moderna, ricorrendo all’uso delle nuove tecnologie, studiando la giusta soluzione ad ogni caso e rispondendo efficacemente alle più variegate esigenze del mercato. Basta pensare a tutti gli studenti che intendano seguire i propri corsi nella capitale, a coloro che non vogliono fare i pendolari o a tutte le persone che desiderassero avere un appoggio a Roma: in tutti questi casi e in molti altri ancora gromia.com sarà in grado di offrire un servizio su misura, tenendo alte la qualità e la sicurezza.

Inoltre, con particolare riferimento alla città di Milano, Gromia seguirà tutte le fasi in totale trasparenza e semplicità, mettendo a riparo da truffe e brutte sorprese. Come statisticamente rilevato nel corso dell’ultimo anno, la città di Milano più di ogni altra città italiana, ha registrato un forte aumento in ordine alle richieste di affitto, superando nettamente quelle inerenti l’acquisto. Tuttavia, alla forte richiesta delle locazioni non corrisponde un’adeguata risposta, infatti l’offerta di vendita degli immobili risulta maggiore rispetto a quella degli affitti e ciò sembra ricondursi ad una mancanza di cultura dell’investimento.

La maggior parte dei proprietari degli immobili è rappresentata da piccoli proprietari privati, che spesso temono la morosità degli inquilini e non sono incoraggiati dalle conseguenze fiscali derivanti dalla locazione. Alla descritta situazione si aggiunge anche la realtà delle grosse proprietà milanesi, oramai quasi del tutto completamente dismesse. Il quadro complessivo che caratterizza la città di Milano si risolve in oltre 70mila immobili sfitti. La domanda cresce a fronte di un’offerta sempre più bassa, di conseguenza i prezzi non smettono di aumentare. Ciò ha comportato un aumento degli affitti alle stelle, fino all’8% nei casi di appartamenti già completi di arredamento. La questione non appare dissimile nemmeno nei casi di appartamenti in condivisione, pur con i vantaggi che la suddivisione delle spese può offrire a quegli inquilini che scelgano di non abitare da soli. A conti fatti, specie per chi desiderasse vivere in zone centrali o in zone in cui non mancano attrattive, il canone per una singola stanza può arrivare fino a 600 euro, costo a cui si aggiungono le commissioni che spettano per l’agenzia immobiliare. Prezzi alti per gli affitti non sono indici di qualità, poiché molto spesso gli immobili di Milano coinvolti sono appartamenti non ristrutturati ed in condizioni di comfort abitativo medio o basso.

A fronte di questo panorama che sembra non promettere nulla di buono, affittare casa a Milano appare un’impresa ardua, specie per coloro che non si affidano a veri professionisti del settore. Nella difficoltosa ricerca verso la casa ideale, oltre ad incappare in pessimi affari, il rischio più grande sembrerebbe anche quello di incorrere in contratti irregolari, non rispettosi della normativa vigente e che aprono la strada a numerosi svantaggi, oltre a possibili conseguenze legali e contenziosi di non poco conto. Per tutte queste ragioni il ricorso a gromia.com appare indispensabile per coloro che cercano trasparenza e desiderano trovare un inquilino affidabile e solvibile nei pagamenti. Punto di forza di gromia.com è infatti quello di massimizzare le rendite degli immobili, proteggendo gli affittuari e gli inquilini dai rischi.

Gromia punta a garantire affitti alle migliori condizioni, offrendo garanzie in caso di danni agli appartamenti e di mancati pagamenti dei canoni, con rimborsi in favore dell’affittuario fino a 12 mensilità. A monte, Gromia seleziona inquilini e proprietari, visitando anche le case attraverso uno staff di fotografi, tutto ciò al fine di offrire descrizioni veritiere. I costi competitivi, fissati a 199 euro per una stanza e a 299 per una casa, fanno di gromia.com il punto di riferimento ideale e professionale per coloro che cercano o vogliono affittare una casa o una stanza, nel breve o nel lungo termine. Non resta che accedere al sito gromia.com ed usufruire di tutti i vantaggi, oltre che della pubblicazione del proprio annuncio che gromia.com avrà cura di diffondere nella maniera più efficacie per garantire la massima visibilità. Gromia tiene molto alla privacy dei suoi utenti, per questo effettua le opportune verifiche, selezionando accuratamente solo ciò che risulta pertinente per ogni specifico caso.

Redazione

La redazione di veb.it si occupa di fornire agli utenti delle news sempre aggiornate, dal gossip al mondo tech, passando per la cronaca e le notizie di salute. I contenuti scritti da più autori contemporaneamente vengono pubblicati su Veb.it a firma della redazione.

Potrebbero interessarti

Cinema, sale riservate per chi vuole usare lo smartphone

Delle sale cinematografiche dedicate esclusivamente a chi non riesce a smettere di…

Sarà l’Alfa Romeo Giulia l’auto dell’anno 2017?

Sarà l’Alfa Romeo Giulia l’auto dell’anno 2017? Un riconoscimento come Car of…

Educazione ambientale, la carovana del camoscio appenninico

Educazione ambientale, parte la carovana del camoscio appenninico. Si tratta di una interessante…

Attentato in Pakistan, Safety Check di Facebook per errore agli italiani

La scorsa domenica di Pasqua, a Lahore, in Pakistan, un kamikaze si…