Esperimento russo del sonno vero o falso

Redazione

Da anni un mistero ha attanagliato il web e i lettori, si tratta del famoso “Esperimento russo del sonno” o per meglio dire della privazione del sonno.

Ecco cosa riportava la fonte dell’esperimento russo del sonno

I ricercatori russi alla fine degli anni ’40 hanno tenuto sveglie cinque persone per 15 giorni usando un gas che era ancora in fase sperimentale. È stato tenuto il tutto in un ambiente isolato per controllare la concentrazione del gas poiché in grandi concentrazioni sarebbe stato mortale.

C’erano anche microfoni e alcune piccole finestre fatte di vetro molto spesso che permettevano di vedere all’interno della stanza, ma dall’interno sembravano uno specchio (come le stanze degli interrogatori ma di dimensioni molto più piccole e rotonde) per un monitoraggio extra. Dentro la stanza c’erano libri, acqua corrente, gabinetti, letti e cibo a sufficienza per mesi.

I detenuti erano prigionieri politici considerati nemici del regime durante la seconda guerra mondiale.

Tutto è andato bene per i primi 5 giorni e i prigionieri non hanno protestato affatto. Vale la pena notare che è stato loro promesso che sarebbero stati rilasciati se fossero rimasti svegli per 30 giorni di seguito.

Le loro conversazioni e attività sono state costantemente monitorate e c’è stata una discussione costante sulle esperienze traumatiche che avevano avuto in passato e in generale le loro conversazioni hanno iniziato ad assumere una forma sempre più oscura dopo i primi 4 giorni.

Esperimento russo del sonno vero o falso
foto@torobala, CC BY-SA 2.5 HU, via Wikimedia Commons

Dopo 5 giorni hanno iniziato a lamentarsi che alcuni eventi avevano iniziato a causare loro sintomi di paranoia.

Smisero di parlarsi e iniziarono a sussurrare nei microfoni e nelle piccole finestre a specchio. Sorprendentemente, credevano che avrebbero guadagnato il favore dei ricercatori tradendo i loro compagni di reclusione. All’inizio i ricercatori pensavano che ciò fosse dovuto al gas che respiravano per rimanere svegli.

Dopo 9 giorni uno dei detenuti ha iniziato a urlare. Ha camminato su e giù per la stanza e ha urlato con tutte le sue forze per 3 ore consecutive e alla fine, dopo tanto tempo, tutto ciò che è uscito sono stati dei piccoli squittii. Si era strappato le corde vocali per lo sforzo.

La cosa strana del caso era l’inerzia degli altri detenuti nelle urla del loro compagno. Continuavano a sussurrare nei microfoni finché un altro detenuto non ha iniziato a urlare incessantemente.

Gli altri detenuti hanno appena iniziato a strappare i libri e ad attaccare le pagine alle finestre. Ad un certo punto le urla sono cessate, come i sussurri ai microfoni.

Dopo altri 3 giorni, i ricercatori hanno controllato i microfoni ogni ora per assicurarsi che funzionassero perché non ascoltavano più nulla.

La mattina del 14° giorno, i ricercatori hanno fatto qualcosa che non volevano fare non appena quando avevano progettato l’esperimento:

Hanno usato il citofono all’interno del reparto per ottenere una reazione dai detenuti poiché temevano per le loro condizioni.

Hanno annunciato che avrebbero aperto la cabina per controllare i microfoni e hanno ordinato loro di sdraiarsi sul pavimento altrimenti sarebbero stati fucilati. Se avessero collaborato, ne avrebbero rilasciato uno.

Con loro sorpresa hanno sentito dai microfoni: “Non vogliamo che ci liberi

I ricercatori e i militari che hanno finanziato l’esperimento hanno iniziato a discutere se aprire o meno le camere. Alla fine decisero di aprirle a mezzanotte del 15° giorno.

Le camere furono inizialmente riempite di aria fresca e non appena scomparve l’effetto del gas le voci iniziarono a supplicare di rimetterlo.

Prigionieri e soldati iniziarono a urlare, 4 dei 5 detenuti erano vivi, anche se le loro condizioni non potevano definirsi tali da considerarsi vivi.

Il cibo dopo il 5° giorno non è stato toccato. C’erano pezzi di carne delle gambe del prigioniero morto sepolti nella griglia sul pavimento che era lì per far passare l’acqua, provocando un piccolo livello di acqua e sangue che si accumulava sotto.

I 4 “sopravvissuti” avevano pelle e muscoli strappati ovunque. Le loro dita danneggiate hanno mostrato che le ferite erano state fatte con le mani e non con i denti.

Tutti gli organi dell’addome dei detenuti erano fuoriusciti. I polmoni. il cuore e il diaframma erano rimasti in posizione, la maggior parte della pelle del torace era uscita, lasciando i polmoni visibili.

I loro stomaci digerivano normalmente, non il cibo ovviamente, ma parti del loro stesso corpo che avevano mangiato prima.

La maggior parte dei soldati russi era nelle forze speciali ma si è rifiutata di rientrare per evacuare i detenuti. Hanno urlato di chiudere la camera e riaccendere il gas in modo che non si addormentassero.

I detenuti hanno resistito con forza ai soldati che hanno cercato di farli uscire dalla cella. Un soldato è morto dopo che la sua arteria carotide si è lacerata e a un altro sono stati rimossi i testicoli con i denti. Altri 5 soldati hanno perso la vita nei giorni successivi, non per le ferite riportate, ma perché si sono suicidati.

Un detenuto nelle peggiori condizioni è stato ricoverato in sala operatoria per rimettere a posto i suoi organi. Ma i medici non riuscivano nell’operazione di anestetizzarlo.

Quando hanno cercato di somministrargli del gas anestetico, ha combattuto come un matto, strappando le cinghie di cuoio che lo tenevano a letto e gettando a terra i soldati più forti che lo stavano trattenendo.

Quando gli è stata somministrata una dose più alta di anestetico, le sue palpebre si sono chiuse lentamente e il suo cuore si è fermato immediatamente.

Un’autopsia ha mostrato che il suo sangue aveva una concentrazione di ossigeno tre volte superiore alla normalità. Si era rotto 9 ossa nel tentativo di non essere drogato e aveva strappato la maggior parte dei muscoli intorno a loro.

L’altro detenuto è stato il primo a iniziare a urlare. Le sue corde erano strappate e quando hanno cercato di sedarlo, si è rifiutato di prendere l’anestetico. Quando un medico gli ha suggerito di sottoporsi a un intervento chirurgico senza anestesia, ha acconsentito con un cenno del capo.

Durante l’operazione di 6 ore in cui i medici hanno messo a posto i suoi organi, non ha reagito affatto, mentre un’infermiera spaventata ha riferito che quando i suoi occhi hanno incontrato quelli del detenuto, lui le ha sorriso.

Lo stesso intervento è stato eseguito sugli altri 2 detenuti senza anestesia. Ma dovevano essere paralizzati.

I chirurghi non sono stati in grado di svolgere il loro lavoro poiché i pazienti hanno riso durante tutta la procedura e li hanno seguiti con gli occhi.

Quando parlavano, chiedevano solo più gas che li teneva svegli.

Prima di rientrare nella camera erano collegati tramite elettroencefalogramma. Con sorpresa di tutti, appena è stato detto loro che sarebbero stati rinchiusi in cella, hanno smesso di combattere.

Mentre erano fuori, hanno cercato con le unghie e i denti di rimanere svegli.

L’elettroencefalogramma ha mostrato risultati incredibili non appena è stato collegato al primo detenuto, poiché le sue onde cerebrali erano normali per la maggior parte del tempo, ma dopo un po’ si sono spente senza motivo. Era come se il cervello stesse morendo per alcuni secondi e poi tornasse in funzione.

Ma qual è la verità sull’esperimento del sonno russo

Con disappunto dei teorici della cospirazione, l’esperimento di cui sopra non sembra essere vero.

Nessun esperimento del genere è mai stato condotto da scienziati russi negli anni ’40 e, ovviamente, nulla di ciò che viene detto deriva da fatti veri.

Questo secondo la fonte: hoax-slayer.com.

La storia è stata pubblicata per la prima volta su Creepypasta, un sito web specializzato in storie dell’orrore e paranormali.

Nonostante la sua veridicità, la storia è il risultato dell’immaginazione di un autore non identificato.

Next Post

Incredibili storie raccontante dagli astronauti

Ci sono alcune storie davvero singolari che sono state raccontante, con cognizione di causa, dagli astronauti durante le loro missioni, ma che molti forse non conoscono. Materia organica aliena vista da Leland Melvin Un astronauta afferma di aver visto una creatura organica simile a un alieno sulla navetta spaziale, Leland […]
Incredibili storie raccontante dagli astronauti