Farmaci, assunti erroneamente conducono alla morte

Fin dal suo etimo il termine racchiude la sua doppia valenza: la parola farmaco deriva infatti dal greco pharmakon, che vuol dire “rimedio, medicina”, ma anche “veleno”.

Se infatti un farmaco è una sostanza che può salvare la vita, parallelamente, se assunta erroneamente, può condurre con fin troppa facilità persino alla morte.

La storia del farmaco è lunga quanto la civiltà. Se nel passato la preparazione di un farmaco era soggetta a precisi rituali che ne consentivano la trasmissione nel tempo, la storia recente del farmaco in Italia è legata alla nascita delle prime industrie farmaceutiche, dovute all’iniziativa di farmacisti, come Francesco Angelini, Archimede Menarini, Carlo Erba, Franco Dompè, Giacomo Chiesi e Giovanni Battista Schiapparelli, che realizzarono i primi stabilimenti dopo aver avuto successo con le loro specialità preparate in laboratorio.

Tra i farmaci più importanti nella storia della medicina non si può non partire dall’Aspirina – Acido Acetilsalicilico –  brevettata dalla Bayer nel 1899 e che è ancora un caposaldo tra le molecole antinfiammatorie, oltre ad essere utilizzata oggi nella prevenzione delle malattie cardiovascolari e anche di alcune forme tumorali. Altrettanto fondamentale è la scoperta accidentale da parte di Fleming nel 1928 della Penicillina: tornando dopo qualche giorno di assenza nel suo laboratorio trovò che alcune colture di batteri non erano cresciuti in una zona dove c’erano delle muffe.

Altro pilastro è il Cortisone, potente antinfiammatorio e antidolorifico che fu scoperto dal premio Nobel Edward Calvin Kendall nel 1944 e presentato al mondo con l’immagine famosissima dell “artritico in bicicletta” e che consentì il trattamento di patologie invalidanti come l’Artrite Reumatoide fino ad allora senza cure.

Passando per il Viagra e gli antistaminici per curare le allergie,  i  chemioterapici  che oggi vengono affiancati da farmaci biologici e anticorpi monoclonali per la cura dei tumori, fino ai farmaci orfani per la cura delle malattie rare, migliaia di farmaci hanno permesso di salvare la vita a milioni di persone, ma allo stesso tempo oggi ne uccidono ancora troppe, perché non assunti correttamente.

Nello specifico, in Europa gran parte dei farmaci prescritti (dal 30% al 50%) non viene assunta come dovrebbe, provocando la morte di 194.500 persone ogni anno.

E’ quanto sostiene l’Organizzazione mondiale della sanità, sottolineando che il costo degli errori nell’assunzione di medicinali ammonta a 125 miliardi di euro l’anno.

L’allarme è stato lanciato da Cittadinanzattiva-Tribunale per i diritti del malato, organizzazione no-profit in ambito sanitario, che ha appena presentato un Rapporto dettagliato sul tema, cui hanno partecipato 13 Regioni italiane e 264 professionisti sanitari, contenente raccomandazioni e proposte per migliorare l’aderenza terapeutica.

Compresenza di più malattie croniche, frustrazione nel non percepire benefici dalle cure, scarsa comprensione sulla terapia da seguire, sono questi i motivi che spingono il paziente a non assumere correttamente farmaci.

Circa 1,4 milioni di persone di età avanzata, infatti, assumono più di 10 medicine al giorno. Molte persone anziane o ospedalizzate, ad esempio, assumono da 10 a 20 farmaci e fino al 30% di tutti gli effetti collaterali è dovuto all’interazione fra queste medicine.

Ma anche le difficoltà economiche e sociali incidono quasi nella metà dei casi, secondo le associazioni di pazienti, nonché motivi organizzativi e carenze nei servizi sanitari (più del 35% dei casi).

Ed è su questi punti che si può migliorare, come emerge dall’indagine realizzata con il contributo non condizionato di Servier, attraverso un questionario rivolto agli Assessorati alla salute e operatori sanitari.

L’idea è quella di muoversi su vari fronti: potenziare la formazione, con competenze specifiche nel riuscire a gestire casi di polifarmacoterapia, ovvero pazienti che assumono un elevato numero di medicine, aumentare la comunicazione sulla patologia, sulla terapia e la sua durata e sulle tempistiche dei controlli, evitare l’uso di sigle, di abbreviazioni e di vocaboli latini o stranieri (es. ½ cp die), al fine di aumentare la comprensibilità e ridurre il rischio di errori nell’assunzione.

Next Post

Cuore, gli Omega 3 non sono così utili?

Gli acidi grassi Omega-3 sono stati a lungo indicati per un cuore sano, ma utilizzarli sotto forma di integratori sembrerebbe non avere grandi effetti per proteggersi dalle malattie cardiache, lo suggerisce una nuova analisi, lo studio ha combinato i dati di 112.059 pazienti che hanno preso parte a 79 studi […]
Omega 3 e se non fossero dei toccasana per il cuore