Giappone, qualche problema se si hanno tatuaggi

In Giappone non sono certo bigotti: sono infatti tra i paesi più industrializzati, sviluppati, persino visionari, ma allo stesso tempo ci sono dei limiti invalicabili, dettati da tradizioni ben radicate localmente.

Un esempio per tutti: nonostante lo stesso paese asiatico sia tra i paesi in cui l’arte del tatuaggio è nata e si è sviluppata, addirittura diversi millenni fa, andare in questo paese con segni evidenti sulla propria pelle non è certo un buon biglietto da visita.

Se infatti in Italia, grosso modo, siamo riusciti a superare i pregiudizi che volevano i tatuaggi come distintivi di un certo ceto sociale, in Giappone al contrario i tatuaggi sono ancora mal visti.

Il motivo? Nella Yakuza, la temuta mafia giapponese, fra gli affiliati è pratica comune tatuarsi l’intero corpo, ed è proprio per questo che la maggior parte della popolazione tende ancora ad associare il tatuarsi all’appartenenza a qualche gang.

Ma nel paese presentarsi con un tatuaggio, anche poco visibile, non equivale soltanto ad attirarsi cattivi sguardi, ma addirittura ci si vede l’accesso precluso a molti luoghi pubblici.

Ad esempio, nella maggior parte dei bagni termali pubblici è vietato l’ingresso a qualsiasi persona abbia i tatuaggi, ma anche in diversi ristoranti, piscine, palestre non è raro trovare cartelli, ben visibili, in cui appunto viene vietato l’accesso alle persone tatuate.

Loading...
Potrebbero interessarti

Cosa noti prima? Scopri la tua più grande paura

Dai un’occhiata al dipinto di Vladimir Kush di seguito. Cosa noti per…

Test: Quale ingresso ti spaventa di più, scopri i tuoi segreti

In questo test dovrai semplicemente scegliere l’ingresso che ti spaventa di più…