Gli scienziati provano a guardare alla vita aliena sotto un’altra forma
Gli scienziati provano a guardare la vita aliena sotto un altra forma

Finora la ricerca di civiltà aliene si è concentrata su pianeti come la nostra Terra, ma i ricercatori ora pensano che una gamma molto più ampia di mondi potrebbe fornire un ambiente stabile in cui la vita potrebbe prosperare.

I ricercatori spaziali ora dicono che non dovremmo escludere mondi strani e lontani nella ricerca di vita aliena.

Dalla scoperta del primo esopianeta nel 1992, gli astronomi sono stati entusiasti della prospettiva di trovare un mondo alieno nella “Zona Riccioli d’Oro” della sua stella madre, dove la vita come la conosciamo potrebbe essere possibile.

Ma per ogni pianeta simile alla Terra che abbiamo rilevato, ne sono stati scoperti altri centinaia con proprietà radicalmente diverse.

Tuttavia, alcuni ricercatori ora sostengono che non dovremmo escludere questi strani mondi. Alcuni di questi ambienti dall’aspetto insolito potrebbero ancora ospitare creature viventi diverse da quelle che abbiamo conosciuto.

51 Pegasi b, chiamato anche Bellepheron o Dimidium, è stato il primo esopianeta scoperto in orbita attorno a una stella come il nostro sole.

Gli scienziati provano a guardare la vita aliena sotto un altra forma

Ma l’entusiasmo della sua scoperta nel 1995 è stato smorzato dalla rivelazione che 51 Peg è un “Giove caldo” – un gigantesco pianeta gassoso in orbita più vicino alla sua stella madre di quanto non faccia Mercurio alla nostra.

Le temperature medie del pianeta sono state stimate intorno ai 1000 ° C

Tuttavia, nel 2017 un team di astronomi guidato da Jayne Birkby ha rilevato i segni rivelatori dell’acqua nell’atmosfera ultra densa del pianeta.

Poiché 51 Peg è, come Mercurio, completamente bloccato sulla sua stella e non ruota, ha un lato caldo e uno freddo – con una striscia stretta da un polo all’altro che è da qualche parte tra i due.

E mentre è molto improbabile che Mercurio sia abitato oggi, non è impossibile che possa essere stato in un lontano passato. “Siamo stati troppo frettolosi nel escludere pianeti come Mercurio come non abitabili“, dice Alexis Rodriguez del Planetary Science Institute in Arizona

Se condizioni estreme come quelle che potremmo trovare su 51 Peg potrebbero sembrare una possibilità per la vita, ci sono altri mondi strani e meravigliosi in cui la vita potrebbe trovare un modo.

I pianeti in orbita attorno a due soli, ad esempio, come Tatooine nei film di Star Wars, potrebbero fornire habitat insolitamente stabili per una civiltà longeva. “Sono stabili per un tempo molto lungo“, ha detto a New Scientist Othon Winter dell’Università statale di San Paolo del Brasile – “abbastanza tempo perché la vita si sviluppi“.

Si stima che fino all’85% di tutte le stelle potrebbe trovarsi in sistemi binari. Oltre il 50% delle stelle simili al Sole sono in binarie, e in effetti ora si pensa che il nostro Sistema Solare fino a (in termini cosmici) recentemente, contenesse una seconda stella.

L’esistenza di un secondo Sole nel nostro sistema potrebbe persino spiegare come la vita si sia sviluppata sulla Terra in primo luogo. Il ricercatore di Harvard Amir Siraj afferma che una stella ai margini dell’attuale Sistema Solare potrebbe aver plasmato la Terra che conosciamo oggi, aggiungendo: “Gli oggetti nella nube di Oort esterna potrebbero aver svolto un ruolo importante nella storia della Terra “.

Ma anche i sistemi che orbitano attorno a una stella morta da tempo potrebbero ospitare una qualche forma di vita. Thea Kozakis della Cornell University di New York afferma che le nane bianche, stelle che una volta erano come il Sole ma che ora hanno esaurito il loro combustibile nucleare, potrebbero fornire un ambiente stabile per l’evoluzione della vita e forse anche per prosperare per miliardi di anni.

Dice che potrebbero esistere condizioni stabili sui pianeti in orbita attorno a una nana bianca per oltre otto miliardi di anni. Abbastanza tempo perché una civiltà cresca, si espanda e sviluppi una tecnologia che le ha permesso di vivere nella luce fioca di una stella morente.

John Gertz del SETI afferma che potrebbe valere la pena concentrarsi sulle stelle nane bianche per individuare le antiche super-civiltà molto prima della nostra.

Volevo vederlo dal punto di vista extraterrestre“, dice, dicendo che spostare un’intera popolazione planetaria su un nuovo sistema stellare è probabilmente impossibile ma enormi progetti di ingegneria stellare progettati per mantenere l’abitabilità di pianeti antichi potrebbero essere rilevabili dal la prossima generazione di telescopi: “Dobbiamo cambiare il nostro intero paradigma di guardare le stelle per trovare segni di vita“.

Loading...
Potrebbero interessarti

I 7 misteri che non hanno mai trovato spiegazione

Esistono delle anomalie nella vita che spesso sono inspiegabili, sono anni, in…

Insegnante sospeso per aver paragonato Trump ad Hitler

Cicli e ricicli storici, sembra che effettivamente la storia si ripeta ad…