La Malnutrizione colpisce anche le donne occidentali

Se la parola malnutrizione è spesso associata ai paesi del terzo mondo, per l’annosa mancanza di cibo e acqua che affligge intere nazioni dove quotidianamente si muore di fame, è altrettanto vero che il problema esiste anche in occidente, e non per mancanza di alimenti.

In uno degli appuntamenti organizzati a Expo Milano 2015, il medico specialista in Nutrizione clinica, Andrea Pezzana, ha messo l’accento sulle varie fasi dell’evoluzione fisiologica della donna spiegando come possano predisporre a differenti stati di malnutrizione per difetto: dall’adolescenza all’età fertile, dalla gravidanza all’allattamento, dalla premenopausa, alla terza età.

“Nel Sud del mondo assistiamo a una difficoltà ad avere il cibo, mentre nelle nazioni del Nord il problema è legato ad alimenti che non garantiscono i corretti apporti nutrizionali”, afferma l’esperto: soffre di questa patologia il 10% della popolazione europea over 65, con picchi del 35% se le persone si trovano in case di riposo.

“Il corpo diventa sofferente per due organi di grandezza: quando bisogna usare i tessuti importanti come i muscoli per ovviare ad una nutrizione non sufficiente, ma anche nei casi – aggiunge – in cui mancano vitamine, proteine e altri elementi l’organismo ne soffre”. A questo proposito, “c’è una deriva di moda, un’esasperazione del vegetarianesimo e del veganismo. Ma chi fa questa scelta deve operare una grande assunzione di responsabilità”, ammonisce Pezzana.

“Non dobbiamo dimenticare l’importanza di una dieta bilanciata, pur senza ‘medicalizzare’ i nostri pasti”, conclude l’esperto.

Loading...
Potrebbero interessarti

Gli uomini barbuti sono quelli da evitare

Se l’uomo perfetto non esiste, se ogni donna ha il suo ideale,…

Sonno, vita più lunga per i dormiglioni

Se è vero che chi dorme non piglia pesci, per la scienza…