L’influenza sta colpendo meno del previsto

Complice anche le temperature che si sono mantenute in moltissime regioni molto più basse della media stagionale, quest’anno sembra, per fortuna aggiungiamo noi, che l’influenza non sia riuscita a “decollare”.

Non c’è stato infatti il picco che si attendeva in concomitanza con le festività natalizie, anche se comunque non bisogna abbassare la guardia, perché il virus non è certo meno contagioso.

“L’attività dei virus influenzali e ai livelli di base e, nelle ultime due settimane – si legge nell’ultimo rapporto, relativo alla settimana dal 28 dicembre al 3 gennaio, con le segnalazioni di 623 medici ‘sentinella’ – il valore dell’incidenza, e inferiore a quello raggiunto in molte delle precedenti stagioni influenzali”. Lo scorso anno, ad esempio, i casi nella settimana dal 29 dicembre 2014 al 4 gennaio 2015, segnalati da 671 medici ‘sentinella’, era pari a 239mila, per un totale di circa 1.031.000.

Le vittime preferite dell’influenza stagionale sono come al solito i bambini sotto i 5 anni di età: nella fascia 0-4 anni l’incidenza è a 5,59 casi per mille, scendendo a 2,04 nella fascia 5-14 e a 1,68 nella fascia 15-64 anni.

“Lo scorso anno abbiamo avuto un’alta intensità dell’attività virale. Nel 2015 il virus H3N2 era mutato rispetto all’anno precedente – spiega all’Adnkronos Salute Gianni Rezza, direttore del Dipartimento malattie infettive parassitarie e immunomediate dell’Iss – e inoltre aveva circolato molto anche l’H1N1, assai più virulento. Quest’anno abbiamo un’influenza lenta e non particolarmente intensa, anche se i virus circolanti sono stabili. Probabilmente la popolazione suscettibile lo scorso anno era molta di più”.

Naturalmente è sempre bene agire in prevenzione, anche e soprattutto nel caso dei bambini: bere spremute di agrumi, ad esempio, e più in generale aumentare il consumo di alimenti ricchi di vitamina C, tenere pulito il nasino, lavare spesso le mani e magari ricorrere a qualche rimedio naturale che in fase preventiva o ai primi sintomi può mostrarsi davvero risolutivo.

Loading...
Potrebbero interessarti

Vaccini, nuovo studio dimostra l’assenza di correlazione con l’autismo

Quanti studi serviranno ancora per confutare quelle che non sono altro che…

Giornata Mondiale della Prematurità il 17 novembre

In campo medico, si definisce parto pretermine o prematuro un parto il cui travaglio ha luogo tra la…