Modena, picchiata per aver lavorato solo 12 ore

La legge sancisce l’uguaglianza tra uomo e donna in tutti gli ambiti, dalla famiglia al lavoro. Marito e moglie hanno, almeno sulla carta costituzionale, uguali diritti e doveri, come anche lavoratori e lavoratrici hanno diritto a svolgere le stesse mansioni con il medesimo corrispettivo.

La realtà purtroppo è ben diversa: la donna è ancora troppo spesso vista come “proprietà” dell’uomo, a cui deve obbedire senza diritto di replica.

Lo testimonia tristemente una storia che viene da Modena: un cittadino cinese di 38 anni è stato arrestato dai carabinieri della stazione di Medolla, a Concordia Sulla Secchia, in provincia di Modena, per aver picchiato la moglie, accusandola di aver “lavorato solo dodici ore” nel corso della giornata.

I carabinieri sono intervenuti sul posto intorno all’una di notte a seguito delle segnalazioni di alcuni passanti che hanno notato la vittima scappare a piedi spaventata in strada dopo le botte del marito e hanno appunto dato l’allarme.

La violenza, oltretutto, sarebbe anche avvenuta sotto gli occhi dei tre figli minori della coppia.

foto@MaxPixel

Next Post

Maltempo, al sud trombe d’aria e danni ai monumenti

Come annunciato nelle scorse ore, il temuto maltempo è arrivato nel sud Italia, con pioggia ma soprattutto forti venti che hanno causato danni a cose e persone. A Crotone e Salerno si è assistito a due trombe d’aria che hanno spaventato non poco i residenti. Nella provincia campana una tromba […]