Natale in Corea del Nord: luci, addobbi, alberi ma niente Gesù
Natale in Corea del Nord luci addobbi alberi ma niente Gesu

Se Babbo Natale dovesse fermarsi in Corea del Nord quest’anno, troverà alberi, luci e potrebbe anche sentire le tipiche canzoni di Natale, ma certamente non avrà nessun indizio della nascita di Gesù. Nemmeno un indizio di cosa significa Natale, almeno non sotto un governo che vede la religione straniera come una vera minaccia.

In Corea del Nord non ci sono quasi cristiani. Ma una volta non era così. E mentre gli ornamenti delle feste, che in passato avevano festeggiato la nascita di nostro Signore non sono stati completamente cancellati, qualsiasi legame che avevano con la nascita di Gesù è stato completamente cancellato.

Gli alberi di Natale non sono particolarmente difficili da trovare a Pyongyang, soprattutto nei ristoranti o nei negozi di lusso che si occupano dell’elite locale e della piccola comunità di stranieri residenti.

Gli alberi sono spesso decorati con luci colorate e palline scintillanti, ma nessuna delle mostre ha esplicitamente associazioni religiose.

Prima dell’avvento del regime Kim, la Corea del Nord era terreno fertile per i missionari e Pyongyang aveva più cristiani di qualsiasi altra città in Corea.

Aveva persino un vescovo cattolico, la maggior parte di questa presenza è stata cancellata nei primi anni ’50, e da allora il Nord ha tenuto d’occhio tutte le attività cristiane del paese.

L ‘articolo 68 della costituzione nord coreana fa un richiamo alla libertà di religione – con la condizione piuttosto significativa che “la religione non deve essere usata come pretesto per disegnare in forze straniere o per danneggiare lo Stato o l’ordine sociale“. Poche chiese cristiane e altre strutture religiose possono operare, ma in condizioni strettamente limitate.

Ci sono quattro chiese cristiane approvate dallo Stato a Pyongyang: una ortodossa russa, due protestanti e una cattolica.

All’interno della cattedrale cattolica ci sono croci, ma nessun crocifisso. I servizi settimanali presentano inni e preghiere offerti in maniera altamente formale, ma non ci sono sacramenti.

I laici nominati dallo Stato conducono i servizi, che non sono autorizzati dal Vaticano. Le attività religiose non autorizzate sono una questione molto diversa.

Come un turista americano ha scoperto non molto tempo fa, semplicemente lasciare una Bibbia in uno spazio pubblico è sufficiente per finire in galera e anche per molto tempo: Jeffrey Fowle è stato condannato a 15 anni ma è finito per essere rilasciato dopo sei mesi . E il canadese Hyeon Soo Lim, pastore cristiano, è stato condannato l’anno scorso all’ergastolo.

foto@Fickr

Loading...
Potrebbero interessarti

Il cagnolino si mangia 160 sterline in contanti, poi la beffa

Come si dice, al danno si aggiunge la beffa, un bravo cagnolino…

Albanese è la lingua più antica d’Europa

Negli ultimi anni, nell’ambito scolastico ma anche in quello lavorativo, è diventato…