Protesi dentarie, importante stare alla larga da quelle fasulle
protesi dentali attenzione

Una protesi dentaria è un manufatto, realizzato da un Odontotecnico abilitato, sotto la guida di un Medico Odontoiatra, utilizzato per rimpiazzare la dentatura originaria persa o compromessa per motivi funzionali e/o estetici.
Hanno il compito di riabilitare le funzioni orali mediante la sostituzione dei denti naturali con elementi dentari artificiali. .

Esistono diverse tipologie di protesi, ma generalmente si dividono in protesi dentali fisse e in protesi dentali mobili o rimovibili.
Indipendentemente se sia fissa o mobile, qualsiasi tipo di protesi deve soddisfare tre caratteristiche ben precise: deve essere funzionale, ossia riabilitare le corrette funzioni fonatorie e masticatorie, deve essere resistente nel tempo, deve essere estetica e deve somigliare alla dentatura naturale del paziente e ridare bellezza al volto e al sorriso seguendo un’attenta analisi estetica.

L’elemento protesico può essere realizzato con diversi materiali, ma i più usati sono resina e ceramica.

La resina viene confezionata nei colori simili ai denti naturali e, come per la ceramica, può essere caratterizzata individualmente. É utilizzata per i provvisori, cioè per quelle protesi fisse posizionate in bocca per un periodo di tempo limitato, per motivi diagnostici e di verifica, e per il tempo necessario all`odontotecnico per la produzione degli elementi definitivi.

La ceramica, che ormai ha soppiantato ogni altro materiale usato in passato,  costituisce il materiale di scelta principale per qualsiasi tipo di restauro protesico. Viene preparata nel laboratorio odontotecnico su “cappette” fuse in oro (struttura che è ricoperta completamente dalla stessa ceramica ), o su cappette in zirconio o da sola nelle forme integrali e poi “cotta” in speciali forni ad alte temperature, per conferirle le caratteristiche di estetica, durezza, trasparenza e levigatezza, che la rendono praticamente uguale ai denti naturali permettendo di posizionarla.

Protesi dentarie stare alla larga da quelle fasulle

protesi dentarie attenzione a quelle false

Purtroppo impiantarsi una protesi dentaria è spesso assai oneroso.

Il prezzo di una dentiera completa, ad esempio, è compreso tra i 1500 e i 6000 euro. Il prezzo medio è compreso in genere tra i 2500€-3500€ per le 2 mascelle. Il nostro SSN offre purtroppo un rimborso sulle spese odontoiatriche nella percentuale del 19% al lordo della franchigia di 129,11 euro.

In molti quindi, non curandosi delle conseguenze, scelgono di emigrare all’estero per risparmiare, o si rivolgono a centri non sicuri: un errore madornale, che può avere serie ripercussioni per la salute, soprattutto quando vengono impiantate protesi fasulle.

Uno dei problemi principali delle protesi fasulle consiste nel fatto che sono realizzate con materiali non idonei o pericolosi per la salute umana. Per esempio, potremmo avere a che fare con materiali tossici come il cadmio e il nichel, con quantità talmente elevate da essere considerate fuorilegge.

L’Accademia italiana di odontoiatria protesica(Aiop), in occasione del suo decimo meeting Mediterraneo a Riccione il 13 e 14 aprile, si rivolge quindi ai pazienti con alcuni semplici consigli, utili a tutelarsi dal rischio di incorrere in prodotti di scarsa qualità.

Primo fra tutti – suggeriscono gli specialisti – si deve chiedere al dentista la dichiarazione di conformità della protesi rilasciata dal laboratorio odontotecnico, un documento che, raccogliendo specifiche informazioni riguardanti il dispositivo, compresi i materiali utilizzati per la sua realizzazione (e le rispettive percentuali), rende tutto il processo sicuro e tracciabile“.

Altro consiglio dell’Aiop è di “chiedere al dentista una volta che la protesi è stata installata, suggerimenti su come eseguirne la pulizia e la manutenzione e seguirli con scrupolo. Poi, accertarsi che le terapie vengano effettuate da un dentista regolarmente iscritto all’albo e non da un odontotecnico“.

L’Aiop infine invita a diffidare delle protesi che hanno costi particolarmente bassi in quanto ciò potrebbe indicare che siano state prodotte con materiali non conformi a norma di legge.

Angela Sorrentino

Laureanda, content writer professionista, in attesa di patentino giornalista pubblicista, si occupa principalmente di contenuti legati alla sanità italiana e alla tecnologia.

Potrebbero interessarti

Lenti a contatto possono produrre infezioni oculari

Forse molti utilizzatori di lenti a contatto lo avrebbero già immaginato da…

La peste bubbonica torna negli Stati Uniti dopo decenni

Ci sono tre principali episodi documentati della peste, la prima pandemia è la cosiddetta…

Latte e derivati importantissimi nell’alimentazioni di bambini e adulti

Intero, parzialmente scremato, scremato, leggero per gli intolleranti, senza lattosio: una miriade…

Morbillo, a Roma muore un’altra bimba: l’antiscienza di Grillo & C.

Al Bambin Gesù di Roma un’altra bimba muore per arresto cardiaco, forse…