Puzzola, sai perchè emana uno sgradevole odore

Redazione

A vederla dinanzi a sé può apparire un animale grazioso: piccola, pelosa, con una grande coda ed il viso furbo, striato di bianco, che guarda con occhi furbi il mondo circostante, ma la moffetta, meglio conosciuta come puzzola, non è affatto un animale docile.

Solitaria e notturna, si adatta praticamente ad ogni habitat: la si trova infatti dalle coste marine fin sulle montagne, e vive a suo agio tra le dune sabbiose o sulle rupi, così come nelle praterie o nelle gole boscose.

Se non la si disturba non la si sente neppure emettere suoni, dato che per maggior parte del tempo resta in silenzio, anche se è in grado di emettere brevi guaiti o squittii.

Ma se si sente minacciata, ecco che passa all’attacco: le sue ghiandole secernano un liquido a dir poco puzzolente, che fa scappare i predatori, ma anche noi umani che ci troviamo nelle vicinanze.

La puzza infatti si impregna su vestiti e oggetti anche per giorni interi, ed è un’impresa ardua riuscire a mandarlo via.

La grande pressione con cui il liquido viene espulso consente di coprire ben quattro metri di distanza: non basta quindi tenersi a debita distanza, ma bisogna proprio far attenzione a non farla arrabbiare quando la si incrocia sulla propria strada.

La capacità di emettere la sostanza odorosa è però limitata: le puzzole hanno abbastanza liquido per spruzzarlo solamente 4-5 volte, poi all’organismo servono ben 6 giorni per riempire nuovamente le ghiandole.

Next Post

Ridurre le rughe: ecco la differenza tra filler e botox

Sempre più uomini e donne, ormai indistintamente anche dal sesso, si rivolgono alla chirurgia estetica per migliorare il proprio aspetto: vengono richiesti interventi molto invasivi, per cambiare la forma del naso o del seno, ad esempio, ma sono richiestissimi anche piccoli interventi di riempimento delle rughe e degli inestetismi del […]
Ridurre le rughe ecco la differenza tra filler e botox