Russia: Per 26 anni mangia cibo per gatti, poi la scoperta
Russia Per 26 anni mangia cibo per gatti poi la scoperta

Una donna russa, rimasta segregata in una casa da sua madre per 26 anni, ha rivelato di aver mangiato cibo per gatti per rimanere in vita.

La donna di 42 anni era stata rinchiusa da sua madre, che sosteneva di ‘proteggerla’, prima di presentarsi in un ufficio comunale locale in Russia per chiedere un lavoro e una copia del documento d’identità.

Nadezhda Bushuyeva non vedeva il mondo esterno da quando aveva lasciato la scuola 26 anni prima, tranne un breve soggiorno in una clinica nel 2006.

Nutrita con cibo per gatti e rimasta rinchiusa fino a quando sua madre, una commessa in pensione chiamata Tatiana, si era ammalata e necessitava di cure ospedaliere.

Quindi, quando i funzionari sono andati in giro per casa, hanno scoperto gatti morti, un’infestazione di topi e un’area sul pavimento dove la donna “eremita involontaria” veniva fatta dormire.

Ha detto: “I gatti hanno più diritti di me“.

Quando è riemersa, Nadezhda aveva i capelli arruffati e, secondo quanto riferito, non faceva il bagno da più di 10 anni.

Sua madre aveva ritenuto troppo “pericoloso” lasciarla uscire di casa, e dopo aver lasciato la scuola decise di tenerla segregata e fuori dal mondo.

Il capo del consiglio locale, Vasily Tovarnov, ha dichiarato: “Dopo aver lasciato la scuola, sua madre l’ha” protetta “, tenendola rinchiusa a casa“.

Ha aggiunto che la donna ha “paura del mondo esterno” ma ha voluto ottenere un lavoro e un passaporto interno russo in modo da poter richiedere i sussidi.

Alla domanda sul perché non se ne fosse mai andata, la donna avrebbe riferito: “Dove dovrei andare? Non conosco niente o nessuno. Non sono stata da nessuna parte. Da quando ho finito la scuola, ho smesso di andare [ovunque].

Russia Per 26 anni mangia cibo per gatti poi la scoperta

Ha aggiunto: “Mangio ciò che mi viene dato: cibo per gatti, pane e cibo che è marcio“.

Dopo la sua visita in ospedale nel 2006, è stata giudicata in buona salute mentale, così come sua madre.

Larisa Mikhayeva, capo del dipartimento di assistenza sociale del distretto di Vachovsky nella regione di Nižnij Novgorod, ha dichiarato: “La madre riceve una pensione, sussidi e generi alimentari e ci siamo offerti ripetutamente di rilasciare un passaporto a sua figlia Nadezhda, che ha rifiutato“.

Un assistente sociale spesso li ha visitati, ma non le è stato permesso all’operaio di entrare in casa“.

Le autorità non hanno potuto agire perché nessuna delle due era giudicata malata di mente.

Ha continuato: “Stiamo convincendo Nadezhda a cambiare il suo stile di vita, ma lei dice:” Non ho bisogno di questo, amo il modo in cui vivo, tutto mi va bene “.

Loading...
Potrebbero interessarti

Test: Come tieni di solito il bicchiere?

Come tieni di solito il bicchiere? Prova a scoprire qualcosa in più…

Coronavirus, i governi negano la libertà per creare un nuovo ordine mondiale?

Il coronavirus è destinato a creare un Nuovo Ordine Mondiale, queste le…