Moby Zaza, focolaio di Coronavirus tra i migranti

Redazione

Gli esperti lo hanno sempre detto: dove c’è assembramento e cattive condizioni igieniche, il rischio di contagio di Covid 19 sale esponenzialmente.

Quindi si sapeva che una delle questione “calde” da affrontare era quella dei migranti e dei loro sbarchi, che sono ricominciati copiosamente, con tute le conseguenze che ne derivano.

Sono infatti 28 i migranti, salvati in acque internazionali dalla nave Sea Watch e messi in quarantena sul traghetto “Moby Zazà” fermo al largo di Porto Empedocle (Agrigento), che sono risultati positivi al coronavirus.

Moby Zaza focolaio di Coronavirus tra i migranti

Uno di loro, originario del Camerun, aveva iniziato a stare male nella notte tra domenica e lunedì.

Inizialmente i medici avevano pensato a un caso di tubercolosi, ma il risultato del test al Covid-19, effettuato dal laboratorio IZS di Palermo, ha fugato ogni dubbio. Da lì il tampone per tutti gli altri, scoprendo così le 28 positività totali.

Le procedure adottate per i migranti sbarcati dalla nave Sea Watch e accolti per la quarantena obbligatoria a bordo del traghetto Moby Zaza, ancorato nella rada di Porto Empedocle, garantiscono la piena tutela della sicurezza sanitaria del Paese“, hanno fatto sapere dal Viminale, precisando che “tutti i migranti sono stati sottoposti fin dal loro arrivo alle procedure previste dalle linee guida sul sistema di isolamento protetto elaborate dalla direzione generale della prevenzione sanitaria del ministero della Salute“. 

Next Post

Russia: Per 26 anni mangia cibo per gatti, poi la scoperta

Una donna russa, rimasta segregata in una casa da sua madre per 26 anni, ha rivelato di aver mangiato cibo per gatti per rimanere in vita. La donna di 42 anni era stata rinchiusa da sua madre, che sosteneva di ‘proteggerla’, prima di presentarsi in un ufficio comunale locale in Russia per chiedere un lavoro […]
Russia Per 26 anni mangia cibo per gatti poi la scoperta