Scientificamente non esiste l’amore a prima vista, ecco di cosa si tratta

Redazione

L’amore a prima vista non esiste o comunque non proprio, secondo un nuovo studio.

L’amore a prima vista è stato alla base della letteratura per migliaia di anni e le persone nella vita reale spesso affermano di sperimentare spesso questa scintilla.

Ma questo sentimento è davvero amore? Non proprio, secondo gli autori di un nuovo studio.

I ricercatori hanno anche chiesto che cosa la gente chiama “amore” in un primo incontro, è davvero rappresentativo delle complesse emozioni che compongono l’amore o semplicemente una potente attrazione fisica.

Precedenti studi hanno dimostrato che l’amore attiva determinati gruppi cerebrali e la posizione dell’attività può variare a seconda del tipo di amore che la persona prova, come l’amore emotivo, divertente o appassionato.

In entrambi i casi, l’amore appassionato attiva le stesse reti nel cervello della dipendenza, e un amore più a lungo termine ha innescato risposte nei gruppi cerebrali legate all’attaccamento e alla ricompensa.

I ricercatori hanno anche precedentemente riferito che fino a 1 persona su 3 nei paesi occidentali afferma di aver sperimentato l’amore a prima vista. E che il sentimento è legato a più passione e legami più forti nella relazione, hanno scritto i ricercatori nel nuovo studio.

Scientificamente non esiste amore a prima vista ecco di cosa si tratta

Ma c’erano poche prove per dimostrare che l’amore a prima vista è nato quando le persone pensavano che fosse così, al momento del loro primo incontro o se ricordavano che era successo solo attraverso la lente dei loro attuali sentimenti, hanno spiegato gli autori della ricerca.

I ricercatori hanno raccolto dati da 500 incontri tra quasi 400 partecipanti, la maggior parte dei quali eterosessuali studenti olandesi e tedeschi intorno ai 20 anni.

Utilizzando tre fasi di raccolta dei dati, un sondaggio online, un sondaggio di laboratorio e tre eventi di appuntamenti della durata massima di 90 minuti ciascuno, i ricercatori hanno raccolto informazioni dai loro soggetti sull’incontro con potenziali partner romantici.

Hanno scoperto se i partecipanti hanno affermato di aver sentito qualcosa come una sorta di amore a prima vista al primo incontro e quanto fisicamente attraente hanno classificato la persona che ha ispirato questi sentimenti.

Per definire ciò che si qualifica come “amore”, i soggetti hanno presentato l’autoanalisi di alcune componenti principali: “eros” (attrazione fisica), “intimità“, “passione” e “impegno“.

Durante i test, 32 persone diverse hanno riferito di aver avuto sensazioni di amore a prima vista per un totale di 49 volte – e questa osservazione non era tipicamente accompagnata da valori elevati per le componenti dell’amore come l’intimità e l’impegno.

Circa il 60 percento dei partecipanti erano donne, ma gli uomini avevano maggiori probabilità di riferire la sensazione di amore a prima vista “sul posto”, hanno riferito gli autori dello studio.

Gli autori hanno affermato che l’amore a prima vista era in realtà solo “una forte prima attrazione che le persone identificavano come amore, nel momento in cui lo provavano o con il senno di poi.

E anche se alcuni soggetti dello studio che erano già coinvolti con qualcuno hanno riferito di essersi innamorati a prima vista, è difficile dire con certezza se sia successo nel modo in cui ricordavano.

Rispondere a questa domanda richiederà ulteriori indagini sulle relazioni romantiche, per vedere come i primi, potenti sentimenti di amore istantaneo si manifestano nel tempo, hanno scritto i ricercatori.

I risultati sono stati pubblicati il ​​17 novembre sul Journal of the International Association for Relationship Research.

fonte@wordssidekick.com

Next Post

Cosa succede se mangi il gelato troppo velocemente?

Ecco una serie di curiosità che forse non conoscerai, puoi leggerle quì di seguito: La carie dentaria esiste da migliaia di anni e nei tempi antichi si credeva che fosse causata da un “verme dentale“. La parte del cervello che controlla le cose del corpo come il vomito e la […]
Cosa succede se mangi il gelato troppo velocemente