Scienziati studiano come aprire le porte su mondi paralleli

Ci sono tentativi di verificare l’esistenza di mondi paralleli ispirati ai risultati anomali di uno studio condotto negli anni ’90.

I ricercatori ipotizzano che alcuni neutroni siano in grado di viaggiare tra mondi paralleli.

Il 2019 può essere un anno in cui l’umanità aprirà il primo portale verso un’altra dimensione che ripete il nostro mondo? Gli scienziati del Oak Ridge National Laboratory nel Tennessee sperano che ciò accada.

Hanno completato la costruzione di attrezzature speciali, che questa estate potrebbero far luce sui mondi paralleli.

Come scrive The Independent, teoricamente questi mondi possono rivelarsi identici ai nostri in molte cose, ripetendo particelle elementari, pianeti e persino la vita conosciuta dall’umanità. Così dice il fisico Lee Boussard, che gestisce il progetto.

La scoperta di un universo parallelo suona come una fantascienza, come la serie “Stranger Things“. Ma i fisici spesso ne hanno permesso l’esistenza, cercando di spiegare i risultati anormali.

Un esempio è un tentativo nel 1990 di determinare l’intervallo di tempo durante il quale un neutrone decade in protoni dopo la separazione dal nucleo atomico.

Molto probabilmente, i neutroni hanno diversi cicli di vita. Solo l’1% delle particelle è in grado di “viaggiare” verso altri mondi e dopo essere tornato per rilasciare protoni.

Per dimostrare la teoria, gli scienziati vogliono inviare i neuroni nella direzione di una barriera impenetrabile, sul retro della quale verrà installato un dispositivo speciale. Se il dispositivo rileva neutroni, significa che hanno bypassato l’ostacolo attraverso un mondo parallelo.

Loading...
Potrebbero interessarti

Le sette sorelle della Terra a 40 anni luce da noi: la scoperta Nasa

Le sette sorelle della Terra a 40 anni luce da noi: la…

Lumia, i 950 e il 950XL avranno la scansione dell’iride e Windows Hello

Ormai sono all’ordine del giorno le novità riguardo i nuovi gioiellini di…