Scienziato: Cercare di contattare vite aliene è un grave errore

Redazione

Il teorico delle stringhe Michio Kaku ha messo in guardia la Terra nella ricerca di di contatto con altre civiltà aliene che potrebbero essere “un milione di anni avanti a noi nella tecnologia

Cercare di contattare vite aliene un grave errore

Lo scienziato Michio Kaku, professore di fisica al City College e alla City University di New York, ha pubblicato numerosi libri, tra cui Physics of the Impossible, Physics of the Future e The Future of the Mind del New York Times.

In precedenza aveva detto al documentario ABC UFOs: Seeing Is Believing il suo pensiero rivelando come sia estremamente improbabile che extraterrestri abbiano mai visitato la Terra, ma che “dobbiamo tenere le nostre menti aperte alla possibile esistenza di civiltà un milione di anni avanti a noi nella tecnologia“.

Citando la conquista spagnola degli Aztechi, Kaku ha detto a The Observer che mentre la Terra potrebbe presto essere in grado di entrare in contatto con gli alieni, sarebbe però un errore contattarli.

Il dottor Kaku ha aggiunto che se la Terra dovesse andare avanti e cercare di entrare in contatto con altre civiltà, dovremmo farlo “con molta attenzione“, nonostante la sua convinzione che alla fine sarebbero amichevoli.

Ha detto: “Presto avremo il telescopio web in orbita e avremo migliaia di pianeti da guardare, ed è per questo che penso che le probabilità siano piuttosto alte che possiamo entrare in contatto con una civiltà aliena. Ci sono alcuni miei colleghi che credono che dovremmo entrare in contatto con loro. Penso che sia un’idea terribile“.

Sappiamo tutti cosa è successo a Montezuma quando ha incontrato Cortés in Messico centinaia di anni fa. Ora, personalmente, penso che gli alieni là fuori sarebbero amichevoli, ma non possiamo scommetterci. Quindi penso che ci metteremo in contatto, ma dovremmo farlo con molta attenzione.

La convinzione del dottor Kaku che gli alieni debbano ancora visitare la Terra contraddice una serie di affermazioni recenti.

Next Post

Covid-19: Cani e gatti contribuiscono a diffondere la variante britannica

Gli animali domestici per eccellenza potrebbero contribuire a diffondere la variante britannica del coronavirus, secondo un nuovo studio. Secondo i risultati di un’indagine di una clinica veterinaria inglese, a Londra tra dicembre e febbraio si è verificato un improvviso aumento dei casi di miocardite in cani e gatti, che corrisponderebbe […]
Cani e gatti contribuiscono a diffondere la variante britannica