Scoperta creatura umanoide di 7 milioni di anni

Redazione

Un gruppo di ricercatori provenienti da Francia, Italia e Stati Uniti ha fornito prove che il primo antenato umano della specie Sahelanthropus tchadensis non era in realtà un ominide e, quindi, non può essere il membro più anziano della nostra specie.

Lo studio è stato pubblicato sul Journal of Human Evolution e brevemente trattato da Phys.org. Il lavoro di un team internazionale di autori è in grado di concludere il dibattito scientifico sulla posizione del Sahelanthropus tchadensis nell’albero evolutivo.

I resti fossili di questa creatura umanoide sono stati scoperti nel deserto di Jurab in Ciad nel 2001. La scoperta è stata poi fatta da un piccolo gruppo di ricerca CNAR. Era una specie sconosciuta alla scienza, chiamata Sahelanthropus tchadensis.

Il team ha esaminato i resti recuperati ed è giunto alla conclusione che la loro età varia da 6,8 a 7,2 milioni di anni. La sensazione fu l’affermazione di questi ricercatori che la creatura trovata fosse un ominide eretto. Quindi, questo era uno degli antenati dell’uomo. A quel tempo, il nostro più antico antenato era considerato “Lucy“, il famoso ominide di circa 3,2 milioni di anni.

Scoperta creatura umanoide di 7 milioni di anni

Tuttavia, la dichiarazione sul Sahelanthropus tchadensis ha sollevato dubbi tra molti scienziati. In primo luogo, le prove che il team di ricerca ha poi riportato si basavano su uno studio di denti e segni sul retro del cranio. In secondo luogo, il lavoro è stato pubblicato in una rivista che non è stata sottoposta a revisione paritaria. In terzo luogo, il team ha rifiutato di dare ad altri scienziati l’accesso ai fossili trovati.

E solo due decenni dopo, è stato condotto un nuovo studio che potrebbe aiutare a scoprire il segreto del Sahelanthropus tchadensis. Gli autori del lavoro affermano di essere riusciti a trovare prove che la misteriosa creatura non era in posizione verticale, quindi, non era un ominide, ma era l’antenato delle scimmie.

In questo caso, lo studio si basa sull’analisi del femore fossilizzato e sembra più affidabile rispetto ai risultati dell’analisi dei denti. I ricercatori scrivono che si trattava di una creatura che si muoveva su quattro arti, proprio come fanno oggi i gorilla e altre grandi scimmie.

Gli autori del lavoro ritengono che la dimensione dei denti, che è stata oggetto di ricerca dal team precedente, non sia una prova sufficiente che Sahelanthropus tchadensis sia un ominide. Secondo loro, i denti potrebbero essere appartenuti a una piccola scimmia femmina.

Nel complesso, i ricercatori hanno concluso che Sahelanthropus tchadensis non era un ominide e quindi non può più essere definito uno dei primi antenati umani.

Tuttavia, va notato che nel nuovo studio, gli scienziati non hanno studiato i fossili che erano a disposizione dei loro predecessori. Parte del femore che hanno esaminato è stata trovata vicino al sito in cui sono stati trovati i resti di Sahelanthropus tchadensis nel 2001.

Poiché i siti dei reperti sono molto vicini e l’età dei fossili è praticamente la stessa, gli scienziati hanno ritenuto che i resti dello stesso rappresentante morto da tempo della specie Sahelanthropus tchadensis fossero caduti nelle loro mani.

Next Post

1800 euro per guardare film di Natale alle feste

Reviews.org sta cercando una persona fortunata da guardare e recensire 25 film di Natale in 25 giorni per esprimere un giudizio finale sul miglior film natalizio di tutti i tempi. Se hai intenzione di trascorrere dicembre avvolto in una calda coperta sul divano a guardare i film di Natale, allora […]
1800 euro per guardare film di Natale alle feste