Torino, medico 59 enne si suicida nella Chiesa dell’ospedale

Un uomo ligio al dovere, una persona affidabile e benvoluto da tutti, apparentemente senza alcuno scheletro nell’armadio, e per questo al momento il movente di questo tragico gesto rimane del tutto ignoto.

Nelle scorse ore, a Torino, un medico si è suicidato all’ospedale Maria Vittoria: l’uomo si sarebbe sparato all’uscita della piccola chiesa presente nel noto nosocomio piemontese.

Secondo una prima ricostruzione, il medico, dirigente del Centro trasfusionale del Maria Vittoria, è entrato dapprima nella chiesetta e, all’uscita, si è sparato. Il colpo è stato sentiti da diversi infermieri e medici che stavano passeggiando nel cortile dell’ospedale torinese. I colleghi di Antonio Garbo, 59 anni, non hanno potuto fare altro che constatare il decesso dell’uomo.

Nelle ore successive, sui social un dipendente dell’ospedale ha scritto: «Dovranno farsi delle domande. Qualcuno deve chiedersi perché un medico sceglie di morire così. Proprio sul suo posto di lavoro». Nessuno parla: i vertici dell’Asl hanno deciso che non è il momento dei commenti.

Secondo i primi accertamenti la pistola sarebbe regolarmente detenuta. I militari stanno quindi facendo approfondimenti per capire i motivi del gesto, anche se sembra che il medico abbia scritto una lettera d’addio a una parente per spiegare i motivi del suo gesto.

Loading...
Potrebbero interessarti

Malattie rare, un anticorpo potrebbe essere la svolta per curarle

Una malattia si definisce rara quando la sua prevalenza, intesa come il…

Tatuaggi per coprire le cicatrici sul seno

L’obiettivo è mascherare rendendo bella una cicatrice, come? Dando spazio alla creatività…