USA, al Pentagono un sottosegretario gay: la rivoluzione di Obama
USA, al Pentagono un sottosegretario gay la rivoluzione di Obama

Un gay al Pentagono: la rivoluzione di Obama passa anche per la nomina del sottosegretario.

Lui si chiama Eric Fanning e, per volere di Obama, sarà il nuovo sottosegretario del Pentagono.

Fanning è un grande esperto in difesa e sicurezza. Si è occupato di difesa e di sicurezza nazionale per venticinque anni, sia al Congresso sia al Pentagono.

E potremmo fermarci qui, perché ciò basta e avanza per renderlo degno del ruolo che Barack Obama gli ha affidato.

Competenza, serietà, professionalità, esperienza sono gli unici requisiti per qualsiasi lavoro. Il resto è aria fritta.

Ma siamo in America, Paese in cui tutto è scandalo, anche la nomina di un sottosegretario se questo è dichiaratamente gay.

Obama non ha mai disdegnato, anzi ne ha fatto un suo punto di forza, di mettere in campo azioni a favore della comunità omosessuale.

Promuovere i diritti dei gay nel governo federale, per il Presidente americano è un atto dovuto.

Ma Obama, prima o poi, si ritrova sempre a fare i conti con una primogenitura.

Lui è stato il primo presidente americano di colore; lui per la prima volta ha fatto rivedere le politiche interne per favorire la fruizione di diversi benefici a partner dello stesso sesso; lui ha chiamato per la prima volta omosessuali e lesbiche a occupare ruoli di primo piano nel ramo esecutivo federale; lui ha permesso agli omosessuali dichiarati di vestire la divisa delle forze armate statunitensi e sempre lui nomina al Pentagono il primo sottosegretario gay.

Ora la nomina di Fanning dovrà essere confermata dal Senato. Dubbi sul voto? Nessuno, a nostro giudizio. L’America ha svoltato. Grazie Obama.

Loading...
Potrebbero interessarti

Ghost writer, ecco chi scrive i discorsi pubblici dei potenti

Quante volte avete sentito discorsi di personaggi più o meno noti o…

Figura umanoide sospesa nei cieli dell’Arizona

Una figura “umanoide” con “ali” è stata avvistata sospesa nei cieli dell’Arizona.…