Utero in affitto, soluzione per chi non riesce a concepire?

Quando si desidera un figlio, la cosa più naturale del mondo è concepirlo col proprio partner, ma questo non sempre è possibile.

Possono intervenire infatti problemi fisici che condizionano la fecondità, ma può anche mancare un partner o l’altro può essere dello stesso sesso.

E allora cosa fare? Le soluzioni sono tante, dall’affidamento all’adozione, passando per la fecondazione assistita e quella in vitro, ma è sempre più diffusa la pratica dell’utero in affitto.

Tecnicamente si parla di maternità surrogata quando una donna accetta di portare avanti una gravidanza per conto di una persona o di una coppia sterile.

Se ne distinguono due forme: quella “tradizionale”, in cui si usa l’ovulo della surrogata, che è così madre biologica del neonato; e quella gestazionale, in cui la surrogata è solo un “involucro”.

In questo caso l’embrione è creato con fecondazione in vitro usando ovulo e seme degli “aspiranti genitori”; ovulo o seme proveniente da una donatrice o un donatore; sia ovulo che seme provenienti da donatori.

La madre surrogata può mettere a disposizione il proprio utero per un fine altruistico o può richiedere un pagamento preventivamente concordato.

A seconda dei paesi, la pratica è incentivata, normata o vietata.

La maternità surrogata è legale in forma “altruistica” in Regno Unito, Irlanda, Danimarca, Belgio, mentre è proibita dietro compenso.
In altri ancora non esiste un preciso quadro legislativo (Svezia). Ci sono nazioni dove la maternità surrogata “commerciale” è legale (alcuni Stati Usa, India, Ucraina, Russia, Georgia).

In Italia l’utero in affitto è vietato dalla legge, punito con la reclusione da 3 mesi a due anni e con multe fissate da 600mila euro a un milione.

Loading...
Potrebbero interessarti

Bevi tante bevande zuccherate? Attento al tumore

Che le bevande zuccherine non facciano bene alla salute, soprattutto se consumate…

Giornata Mondiale per il Diabete, fondamentale la prevenzione

Oggi si celebra la Giornata Mondiale per il Diabete, una ricorrenza istituita…