20 anni sulle navi da crociera, adesso non riesco a camminare a terra

Redazione

Ha vissuto sulle navi da crociera per più di 20 anni, oggi non riesce più a camminare in linea retta sulla terraferma.

20 anni sulle navi da crociera adesso non riesco a camminare a terra
foto@depositphotos.com

Mario Salcedo, conosciuto nella comunità crocieristica come Super Mario, si muove sulla compagnia da crociera Royal Caribbean da più di due decenni, affermando di essere il “ragazzo più felice del mondo“, come riporta il portale LadBible.

Ha lavorato nella finanza per una multinazionale, ma è stato licenziato all’età di 47 anni e ha iniziato una nuova vita in mare.

Ora ha trascorso più di 9.000 notti sulle navi da crociera e ha detto che si tratta di uno stile di vita che “non invecchia mai“, ma i suoi rari ritorni a terra possono essere difficili.

Ho perso l’equilibrio a terra, quindi ondeggio così tanto non riesco a camminare in linea retta“, ha detto a Condé Nast Traveller nel 2016.

Nel frattempo, nei giorni in porto, quando la maggior parte dei passeggeri scende per le escursioni, di solito rimane sulla nave, mettendo piede a terra solo per circa 15 giorni all’anno.

La gente viene qui per le vacanze, io no, io vengo qui per vivere la mia vita“, ha detto al New York Times, che lo ha raggiunto a bordo di una crociera nel 2017 per realizzare un breve documentario sulla sua vita, pubblicato l’anno successivo.

Ha continuato: “Adottare la vita da nave da crociera è semplicemente scappare dalla realtà. Stai praticamente uscendo dal mondo come lo conosci sulla terraferma e dicendo che non vuoi più farne parte.

Mentre per alcuni questo stile di vita potrebbe sembrare un inferno, per Mario è la perfezione.

Ha spiegato: “Non devo portare fuori la spazzatura, non devo pulire, non devo fare il bucato. Ho eliminato tutte quelle attività senza valore e ho tutto il tempo del mondo per godermi ciò che mi piace fare“.

Naturalmente, il mondo di Mario è andato in pezzi quando il Covid-19 ha colpito il mondo, ed è stato costretto a vivere sulla terraferma come il resto delle persone. E sembra che questa esperienza abbia solo consolidato il suo impegno per la vita da crociera.

Ha rivelato ad All Things Cruise lo scorso novembre: “Non ho navigato per 15 mesi. Era triste non sapere quando le navi sarebbero tornate in crociera. La mia prima crociera di ritorno è stata il 2 luglio di quest’anno su Freedom of the Seas. Nome perfetto: Freedom.

Next Post

La Nasa utilizzerà i satelliti per la ricerca di alieni

Nell’ambito di uno studio sui fenomeni aerei non identificati, la NASA sta pensando di utilizzare gli attuali satelliti per la ricerca di civiltà extraterrestri. La NASA ha confermato di valutare la possibilità di trasformare i satelliti in dispositivi per la ricerca di alieni. Come riporta il Daily Star, i piani […]
La Nasa utilizzera i satelliti per la ricerca di alieni