8 marzo è la Giornata mondiale del rene

Nel corpo umano i reni sono due e sono posizionati ai lati della colonna vertebrale, tra l’undicesima vertebra toracica e la seconda-terza vertebra lombare. Il rene destro si trova sotto il fegato, il sinistro dietro la milza. Lunghi circa 12 centimetri, sono caratterizzati da una forma che ricorda quella di un fagiolo; il loro peso si aggira intorno ai 110-130 grammi ciascuno.

Il compito principale dei reni è provvedere alla produzione dell’urina a partire dal sangue, permettendo di eliminare le scorie presenti nell’organismo, ma questi due organi risultano molto importanti anche per altre funzioni. Sono i reni, ad esempio, a secernere l’eritropoietina, l’ormone che promuove la maturazione dei globuli rossi o asecernere la renina, un enzima che gioca un ruolo importante nella regolazione della pressione sanguigna. Sono infine i reni a elaborare la vitamina D nella sua forma attiva affinché possa essere utilizzata dall’organismo in modo efficiente. La presenza di un solo rene sano è sufficiente a garantire lo svolgimento di tutte queste funzioni.

I reni sono organi essenziali per la sopravvivenza dell’individuo; per questo motivo i pazienti con patologie renali gravi sono costretti a sottoporsi periodicamente ad una procedura medica di purificazione del sangue, detta dialisi. Molte persone, d’altro canto, vivono normalmente con un unico rene, dal momento che questo organo possiede una grande riserva funzionale.

È indubbio però che gran parte delle malattie renali si possono comportare come “killer silenziosi”: operano indisturbate, senza sintomi, per anni e, quando i loro effetti si rivelano, può essere tardi per correre ai ripari. L’attenzione nei loro confronti è dettata dall’esigenza di prevenire l’insufficienza renale cronica e di ridurre il rischio cardiovascolare, che aumenta sensibilmente già in presenza di un’insufficienza renale lieve.

8 marzo è la Giornata mondiale del rene

8 marzo giornata mondiale del rene

Per sensibilizzare sulla prevenzione, giovedì 8 marzo ci sarà la Giornata mondiale del Rene.

La “Giornata mondiale del rene” rappresenta l’occasione per richiamare l’attenzione su una malattia diffusa ma spesso non riconosciuta nelle sue fasi precoci, che si associa ad elevato rischio di complicanze cardiovascolari e, nei suoi stadi più avanzati, richiede trattamenti come la dialisi ed il trapianto.

Alcune malattie, che possono portare a danno renale, risultano più diffuse nel genere femminile (malattie autoimmuni, infezioni urinarie, patologie collegate alla gravidanza); inoltre le donne sono più spesso donatrici in caso di trapianto da vivente. Quest’anno quindi la “Giornata mondiale del rene” e la “Giornata internazionale della donna”, ricorrendo nella stessa data, offrono l’opportunità di riflettere in particolare sull’importanza della salute delle donne.

“La scelta di dedicare alla donna la Giornata mondiale del rene nell’edizione del 2018 ci riempie di gioia perché giustamente mette al centro l’importanza della cultura della prevenzione a tutte le età, con particolare riferimento alla figura della donna. Il recente studio ‘Carhes’ (Cardiovascular risk in enal patients of the health examination survey), condotto proprio dalla Sin, ha messo in evidenza che nel nostro Paese ci sono diverse centinaia di migliaia di persone che non sanno ancora di soffrire di malattia renale cronica. Il decorso di queste patologie, infatti, è spesso silente fino quasi alle fasi finali, quando purtroppo lo spazio di intervento è circoscritto alla terapia sostitutiva dialitica o al trapianto di rene. Infine, di particolare rilevanza sarà l’approfondimento della tematica legata alla cura del rene in gravidanza,” spiega Loreto Gesualdo, presidente Sin.

Sono previsti oltre cento eventi tra cui test diagnostici nelle piazze, porte aperte nelle Nefrologie e conferenze pubbliche.

Angela Sorrentino

Laureanda, content writer professionista, in attesa di patentino giornalista pubblicista, si occupa principalmente di contenuti legati alla sanità italiana e alla tecnologia.

Potrebbero interessarti

Dislessia aumentano le certificazioni nelle scuole

Se ne sente parlare spesso ma evidentemente ancora oggi molti si voltano…

Taranto, 1.000 casi di tumore ogni anno

Negli ultimi dieci anni a Taranto i casi di tumore sono passati…

Cocaina, eliminare la dipendenza attraversa la TMS

Il difficile rapporto che, fin dalla prima giovinezza fino a pochi mesi…

Parkinson, degli aggregati proteici lo scatenerebbero

Il Parkinson è una malattia neurodegenerativa, ad evoluzione lenta ma progressiva, che…