A 94 anni processato l’ultimo nazista, chi era

A 94 anni finisce sotto processo in Germania forse uno degli ultimi nazisti ancora in vita

Si tratta di una guardia del campo nazista, a 94 anni è attualmente sotto processo, l’ex-guardia del campo di concentramento nazista va in tribunale in Germania.

L’ex guardia delle SS naziste in un campo di concentramento durante l’Olocausto è ora sotto processo per il suo presunto ruolo attivo nei centinaia di omicidi avvenuti.

Il 94enne Johann Rehbogen è andato in tribunale il 6 novembre per diverse centinaia di di omicidi nel campo di concentramento di Stutthof, dove era stato una guardia dal giugno del 1942 al settembre del 1944.

Rehbogen non nega di aver lavorato nel campo durante la seconda guerra mondiale, ma afferma di non essere a conoscenza delle uccisioni di massa che vi sono state commesse e di non aver partecipato alle atrocità.

Chiunque abbia sentito le urla da fuori dalla camera a gas sapeva che le persone stavano combattendo per la propria vita“, ha riferito il procuratore Brendel.

Più di 65.000 persone morirono nel campo di Stutthof prima che fosse liberata dai sovietici nel maggio 1945. Mentre non ci sono prove che colleghino direttamente Rehbogen ad un particolare crimine, i pubblici ministeri sostengono che siccome era una guardia mentre le atrocità stavano accadendo, sarebbe comunque complice con di centinaia di quei 65.000 omicidi.

I prigionieri sono stati uccisi usando una varietà di metodi, come rivela il procuratore, tra cui benzina, iniezioni di fenolo direttamente nel cuore, oltre ad essere costretti a stare nudi fuori in inverno fino alla morte.

A Stutthof è stato organizzato un massacro attraverso le SS, reso possibile grazie all’aiuto delle guardie“, ha aggiunto.

Rehbogen era stato già processato in tribunale per i minorenni perché aveva meno di 21 anni presidiava come guardia nel campo di concentramento.

L’accusa punta il dito verso questi crimini e sottolinea che non perché sono trascorsi più di 70 anni da quando sono avvenuti gli omicidi significa che questo caso sia meno importante.

Il passare del tempo non diminuisce in alcun modo la colpevolezza degli autori dell’Olocausto e la vecchiaia non dovrebbe offrire protezione a coloro che hanno commesso crimini così orribili“, ha detto il capo dell’organizzazione per la ricerca degli ex nazisti del Centro di Simon Wiesenthal, Efraim Zuroff.

Questo non è il primo caso in cui una ex-guardia del campo viene processata come un complice dell’omicidio senza prove che le leghi a un crimine specifico. Nel 2011, lo stesso ragionamento giuridico è stato utilizzato con successo per trovare l’ex guardia John Demjanjuk colpevole di accuse simili.

La BBC riferisce che Johann Rehbogen rischia fino a 15 anni di carcere se viene condannato, ma l’uomo di 94 anni, in sedia a rotelle, è improbabile che possa effettivamente scontare qualsiasi periodo di detenzione a causa della sua età.

 

Redazione

La redazione di veb.it si occupa di fornire agli utenti delle news sempre aggiornate, dal gossip al mondo tech, passando per la cronaca e le notizie di salute. I contenuti scritti da più autori contemporaneamente vengono pubblicati su Veb.it a firma della redazione.

Potrebbero interessarti

Vuoi sapere in che modo morirai? Te lo dice un simulatore

Sapere quando il nostro cuore smetterà di battere, è qualcosa di molto…

Australia appello degli scienziati per l’ulcera carnivora

Gli scienziati in Australia proseguono la loro campagna di avvertimento che sollecita la ricerca…

Scopre i regali di Natale del suo ragazzo e sbotta: le solite caz…e

Per sbaglio trova i regali di Natale prima e li scarta, la…

Giordania, sommerso persino il sito archeologico di Petra

I giorni scorsi sono stati veramente terribili per la nostra penisola sul…