Aifa vs Codacons: è guerra sulla questione vaccini

In una situazione estremamente tesa come è quella in questo momento in Italia, col ministro della salute che ha imposto l’obbligo di 12 vaccini per poter accedere alla scuola e molti genitori che rivendicano la propria libertà di scelta nei confronti della salute dei propri figli, entra a gamba tesa anche il Codacons, con una posizione chiara ma certamente discutibile.

Il Codacons infatti ha deciso di denunciare Beatrice Lorenzin in merito alla questione vaccini: il Ministro non ha tenuto conto dei gravi dati riportati nel rapporto dell’Agenzia Italiana del Farmaco.

Il Codacons in particolate ha presentato un esposto, chiedendo di fare luce sulla morte sospetta di un neonato registrata a seguito di somministrazione di vaccino. Il caso è emerso dal rapporto Aifa sulle reazioni avverse alle vaccinazioni nel triennio 2014, 2015, 2016, fino ad oggi rimasto segreto ed entrato ora nelle disponibilità del Codacons.

Il rapporto segnala anche come siano cresciuti i casi di reazioni avverse “gravi” alle vaccinazioni pediatriche, con una percentuale che raggiunge il 20,2% del totale delle segnalazioni negative giunte all’Aifa nel 2016 (dato nazionale).

“Crediamo che l’incremento dei casi di reazioni gravi alle vaccinazioni non debba essere sottovalutato, ma anzi serva indagare sul ruolo delle istituzioni affinché si arrivi in Italia ad ottenere vaccini singoli e testati e indagini pre-vaccinali sui bambini proprio per limitare i casi di danni da vaccino, considerato che nel triennio 2014, 2015, 2016 l’Aifa ha registrato in totale 3.551 segnalazioni di reazioni avverse”, hanno fatto sapere.

L’Agenzia italiana del farmaco (Aifa) da parte sua però ha annunciato di avere dato mandato ai propri legali di agire nei confronti di Codacons “affinché sia difesa in ogni forma e in ogni sede la verità scientifica, la realtà dei dati, la qualità dell’operato svolto dall’Agenzia che ha nella tutela della salute dei cittadini il suo unico obiettivo”.

“In Italia ogni anno i vaccini salvano milioni di vite – osserva Aifa – i vaccini hanno debellato malattie mortali, sono farmaci efficaci e sicuri che tutelano la salute. Sulla sicurezza dei vaccini, le affermazioni rilasciate oggi alla stampa dal presidente del Codacons, Carlo Rienzi, diffondono dubbi e incertezze che non trovano fondamento nella scienza e le attività di farmacovigilanza, nello specifico di vaccinovigilanza, svolte da Aifa attraverso il monitoraggio quotidiano confermano la verità scientifica”.

Next Post

Blue Whale, il terribile gioco prende piede anche in Italia

Da adulti, è difficile capire come i nostri ragazzi possano cadere in una trappola come quella del famigerato “ Blue Whale”, un gioco terribile che conduce alla morte, eppure i numeri parlano chiaro e ci mostrano chiaramente quanto non sia mai troppa l’attenzione che riserviamo ai nostri figli, in un […]