Archeoastronomia, a Sassari un convegno bellissimo

Eleonora Gitto

A Sassari si è svolto un bellissimo convegno di Archeoastronomia.

L’Archeoastronomia non è una scienza nuova, tuttavia non tutti la conoscono.

Si conosce di più ovviamente, l’astronomia in quanto tale, e qualche volta anche la storia dell’astronomia, ma raramente ci si addentra nel mondo della storia antica fino a cercarne e scoprirne i risvolti di natura astronomica e astrologica.

Gli antichi Egizi, gli Incas, le popolazioni mesopotamiche, le civiltà dell’Egeo, gli abitanti preistorici dell’Irlanda e dell’Inghilterra: tutti questi in qualche maniera legavano la vita terrena a quella del cielo.

E conseguentemente lo studiavano e accordavano la loro vita agli eventi celesti.

Anche alcuni siti archeologici sardi sarebbero legati alla misurazione del tempo, al ciclo delle stagioni, ai solstizi e altro.

Di questo si è parlato al Quinto convegno di Archeoastronomia tenutosi nei giorni scorsi a Sassari presso il Polo Bionaturalistico universitario di Piandanna.

Stavolta si è parlato della misura del tempo. Come riferimento sono state prese due strutture monumentali, quella nuragica di S’arcu e is Forros a Villagrande Strisaili e quella di neolitica di Is Cirquittis a Laconi.

E’ stato il dottor Michele Forteleoni a illustrare la ricerca, realizzata con l’aiuto di tecnologie modernissime, come i droni per le riprese dall’alto, nonché il Gps per i rilievi.

Next Post

Renault Zoe Z.E. 40, l'auto elettrica con 400 Km di autonomia

400 chilometri di autonomia per l’auto elettrica Renault Zoe Z.E. 40. Purtroppo in Italia siamo in grave ritardo rispetto alla produzione e all’acquisto di veicoli elettrici, ecocompatibili per eccellenza. Addirittura in Italia abbiamo una quota di mercato solo dello 0,1%. Vale a dire che siamo gli ultimi in Europa. Questo […]
Renault Zoe Z.E. 40, l'auto elettrica con 400 Km di autonomia