Astronauta veterano rivela: Ci sarà migrazione su Marte

Redazione

L’astronauta veterano della missione Apollo ha sollecitato il governo degli Stati Uniti ad accelerare i suoi progressi nella colonizzazione di Marte, riferisce il famoso Washington Post.

Scrivendo sul Washington Post, Buzz Aldrin, che nel 1969 ha camminato sulla Luna con il suo compagno astronauta Neil Armstrong come parte della rivoluzionaria missione dell’Apollo 11, ha invitato il Congresso e il Presidente Trump non solo a mandare persone su Marte, ma anche a costruire la possibilità di vivere lì.

La natura umana e potenzialmente la massima sopravvivenza della nostra specie, richiede la continua estensione dell’umanità nell’universo“, ha scritto Buzz Aldrin.

L’attenzione non dovrebbe essere rivolta a “ad un viaggio“, sostiene, ma a “lavorare con altri paesi per raggiungere un insediamento permanente su Marte“.

Questo può quindi facilitare quella che Aldrin chiama la “grande migrazione dell’umanità su Marte“.

In un mondo di divisioni, questa missione è unificante per tutti gli americani e per tutta l’umanità“, ha scritto Aldrin.

Con la NASA attualmente destinata per il 2033 come la prima data possibile per una missione su Marte con equipaggio, la visione di Aldrin di una razza umana interplanetaria unita potrebbe non essere inverosimile come sembra.

Next Post

Sciamani Navajo rivelano: Fine del mondo vicina

Una delle più antiche civiltà del Nord America sono gli indiani Navajo anche detti Hopi. Loro stessi credono ancora che i rituali che hanno ricevuto dai loro antenati e che si tramandano fedelmente di generazione in generazione hanno lo scopo di preservare l’umanità sulla Terra. Gli sciamani navajo possiedono antichi […]