Basi aliene e piramidi su Marte, la Nasa nasconde molte cose

Redazione

I cacciatori di alieni sono convinti di aver trovato prove effettive di costruzioni e possibili basi extraterrestri su Marte.

Gli appassionati di UFO hanno carpito ulteriori informazioni che confermerebbero l’esistenza della vita su Marte, dopo aver individuato quelle che credono essere strutture sul pianeta rosso.

I teorici della cospirazione credono da tempo che Marte sia la dimora della vita aliena, e ora credono di averne la prove.

Il famoso studioso di UFO online, Scott C Waring, afferma di aver trovato prove di una base appartenente a “giganti” marziani.

Waring ritiene inoltre che questi marziani abbiano costruito monumenti sul Pianeta Rosso e che la NASA lo abbia tenuto segreto.

Ingresso di una struttura aliena (foto@ETDATABASE.COM)

Il signor Waring ultimamente ha fatto notare sul suo blog ET DATABASE: “C’è una testa di scultura gigante con una mano di uguali dimensioni con quattro dita visibili (evidenziate in giallo), vicino ad essa è un teschio di drago (evidenziato in arancione)“.

Questa potrebbe essere la prova di una specie gigante, trasformata in un fossile gigante. Potrebbe anche essere una statua, dal momento che sono presenti delle aperture alte 1/3 di un metro, rispetto alla mano del gigante … che appare essere di 2 metri di diametro“.

C’erano anche due piramidi, una ancora scolpita nella pietra, come se non fosse terminata, l’altra finita ma con una faccia in cima“.

Tutto sommato, sembra che Marte stia collaborando con una qualche forma di vita intelligente e le prove sono dappertutto. Difficile credere che la NASA abbia mantenuto il segreto per così tanto tempo.”

La Nasa e gli esperti scienziati attribuiscono quelle rocce e quelle strutture ad altri reperti simili semplicemente rocce con una forma familiare.

Next Post

La quarantena ispira un ragazzino a creare il gioco sul Coronavirus

Mentre la maggior parte dei bambini di nove anni ha combattuto, durante il periodo della quarantena, con i compiti della scuola a casa, Lupo Daturi ha fatto la guerra al virus COVID-19, ovviamente virtualmente.  Lo studente, di quarta elementare della periferia di Milano, ha usato il suo tempo per creare un […]
La quarantena ispira un ragazzino a creare il gioco sul Coronavirus