Brett Singh, il medico diventato leggenda che combatte il coronavirus

Un medico del KwaZulu-Natal è in prima linea nella nuova task force anti-epidemia di coronavirus nella città di Wenzhou, in Cina, nella speranza di salvare quante più vite possibile.

Sebbene i decessi globali e le infezioni quotidiane siano state fino ad ora in aumento, il dott. Brett Singh, di Howick, ha affermato di non aver paura, poiché le sfide della vita sono state un’opportunità per coloro che sono in grado di fare la differenza per mostrarsi come “sale e luce nel mondo“.

Singh è arrivato in Cina nel 2011 e ha studiato medicina alla Wenzhou Medical University, ora sta terminando il suo Master in pediatria.

Sto lavorando con uno speciale team di task force anti-epidemia presso la Wenzhou Medical University, dove aiutiamo a effettuare controlli giornalieri della temperatura con un’anamnesi dettagliata dei pazienti e una valutazione psicologica di tutti gli studenti e lavoratori nella nostra area in quarantena, situata nel campus di Chashan. riferire direttamente qualsiasi dei nostri risultati al nostro ospedale in modo che eventuali casi possano essere portati alla clinica della febbre per i test PCR per l’infezione di covid19 “, ha detto Singh. 

Ha detto che il team è responsabile di tutti i casi di emergenza medica (non covid19 correlati) qui nell’area in quarantena e si assicurano che siano gestiti correttamente nel più vicino ospedale.

Singh ha detto che tutti i casi che non sono correlati a covid19 sarebbero stati controllati presso la clinica nell’area in quarantena.

Facciamo anche una consulenza medica online in modo che i pazienti che non necessitano necessariamente di ricovero ospedaliero, possano essere trattati con metodi online. Segnaliamo eventuali casi gravi e vengono inviati reparti di isolamento, in base ai quali le malattie infettive sono i medici a capo del gestione di questi pazienti e lavoriamo con i media cinesi per aiutare a educare e diffondere dati reali su covid19 a Wenzhou “, ha detto Singh.

Singh, che ha lavorato come studente di medicina presso il Grey’s Hospital di Pietermaritzburg, ha affermato che l’ospedale era il più frequentato di Wenzhou e aveva ricevuto un enorme sostegno da parte del governo che ha fornito le scorte necessarie per combattere il virus.

Brett Singh il medico diventato leggenda che combatte il coronavirus (foto@Sagoodnews.co.za)

Ha detto, rispetto agli ospedali sudafricani, che era disponibile un budget molto più ampio per i principali ospedali in Cina: “I medici sudafricani sono tra i migliori al mondo, hanno solo bisogno del governo che li aiuti ad accelerare i kit di test di reazione a catena della polimerasi per i test per i casi Covid-19 “.

Il presidente Cyril Ramaphosa ha annunciato giovedì che 132 cittadini che vivevano a Wuhan, l’epicentro del virus, sarebbero stati rimpatriati. Tuttavia, la dott.ssa Angelique Coetzee, presidente della South African Medical Association, ha dichiarato di essere preoccupata per le attrezzature protettive per i medici.

Ha detto che le maschere ora non erano disponibili in tutto il mondo poiché la Cina era il principale produttore.

Coetzee ha affermato che il Dipartimento Nazionale della Sanità aveva già organizzato il trasferimento di tutti gli individui in una località di Bloemfontein dove sarebbero stati messi in quarantena per 21 giorni.

Popo Maja, portavoce del Dipartimento della Sanità, ha confutato le affermazioni secondo cui il Sudafrica non aveva attrezzature protettive sufficienti e ha affermato di non poter né confermare né negare che il sito di quarantena si trovasse a Bloemfontein.

Loading...
Potrebbero interessarti

La leggenda della trappola d’acciaio, mistero o realtà?

La trappola d’acciaio è un’oscura e strana leggenda urbana su un soldato…

Bonsai, sai realmente da dove derivano?

Quando si pensa agli alberi sovviene subito alla mente la loro maestosità:…