Brownies, i dolcetti più amati dagli americani

Pochi paesi al mondo possono vantare una cultura gastronomica variegata come la nostra, e non a caso la cucina italiana è tra le più amate al mondo.

In ogni angolo della terra si amano la pizza e la pasta, ma certamente anche i dolci, che sono vere e proprie eccellenze, le cui ricette originarie però sovente vengono stravolte.
Naturalmente ogni paese ha i suoi dolci e le sue ricette e negli ultimi anni noi italiani abbiamo importato molte ricette da oltreoceano, tra cui spiccano senza dubbio i brownies.

Avete il coraggio di dire di non averli mai assaggiati? Impossibile, golosi e “cioccolatosi” come appaiono nelle vetrine di ormai quasi tutte le pasticcerie.

Tipico dessert americano che deve il suo nome al colore scuso, dato dal cacao e dal cioccolato di cui è infarcito, il brownie è un biscotto tagliato a piccoli quadrettini.
Questi quadrettini possono essere ricoperti con della glassa e possono contenere delle scaglie di cioccolato o nocciole, ma possono anche essere aromatizzati in vari gusti, come ad esempio vaniglia o menta.

Il primo brownie della storia si deve alla brillante idea della signora Bertha Palmer, titolare del Palmer Hotel, che nel 1983 chiese a un pasticcere di preparare un dolce che fosse gustoso ma anche pratico da consumare per le donne che frequentavano il Chicago World’s Columbian Exposition.

Una chicca: all’epoca il biscotto ancora non conteneva però cioccolato ma era composto di glassa all’albicocca e impasto di nocciole.

Loading...
Potrebbero interessarti

Qual è l’animale africano più pericoloso?

Quando si pensa agli animali africani, vengono subito in mente le altissime…

Volano 30mila dollari dal furgone, chiede la restituzione del denaro

30mila dollari volati fuori dal suo furgone, ma il proprietario cerca disperatamente…