Burraco, gioco di carte più amato in assoluto?

Per chi ama giocare ma non è attratto da slot machine e roulette russa, la soluzione migliore è rappresentata dalle carte: ci sono decine di versioni diverse di solitari per sfidare se stessi, ma anche altrettanti giochi di carte da giocare in due o in quattro.
Particolarmente amato e giocato negli ultimi anni è il burraco, un gioco della famiglia della pinnacola nato probabilmente in Uruguay intorno agli anni 1940 e diffusosi in Italia intorno agli anni 1980, anche se solo nell’ultimo decennio ha conosciuto un successo senza precedenti, con tornei sia amatoriali che competitivi, con vincite più o meno sostanziose.

Il burraco si fa con due mazzi di carte francesi più i 4 Jolly. Ci sono due carte da gioco particolari che possono assumere qualsiasi valore: i 2, denominati pinelle, e i jolly.
Nella versione a 4, la più amata, il mazziere mischia le carte e fa tagliare il mazzo al giocatore alla sua destra, che poi è anche quello che crea due mazzetti da 11 carte, definiti “pozzetto”, che vengono messi da parte per la seconda parte del gioco, poi distribuisce 11 carte a giocatore e le restanti finiscono al centro del tavolo.

L’obiettivo del gioco è di realizzare più punti degli avversari, calando in tavola gruppi di carte formati da scale dello stesso seme o da carte dello stesso valore , prima che la mano finisca.

La mano finisce quando un giocatore riesce a finire le carte che ha in mano e la sua squadra ha già creato un burraco e raccolto il pozzetto.

Un “burraco” si crea quando è stata creata una sequenza di almeno sette carte, in scala o dello stesso valore. Se all’interno sono stati usati jolly o pinelle il burraco è denominato sporco, o al contrario è “puro”.

Ricordiamo che in Italia ormai esistono molte federazioni che permettono di partecipare a tornei nei vari circoli dislocati sul territorio nazionale, gratis o con la sottoscrizione di una quota.

Next Post

Meteo, sarà una Pasqua all’insegna delle temperature miti

Dopo un inizio di marzo in cui sembrava che per quest’anno l’inverno fosse scappato via in fretta, lasciando lo stivale persino prima dell’arrivo ufficiale della primavera, il freddo è tornato prepotente all’improvviso. In una manciata di giorni siamo passati dalle magliettine leggere ai cappotti, e poi nuovamente a temperature più […]