Cannabis, è ora di legalizzarla?

Negli ultimi giorni vi abbiamo raccontato più volte dei dissidi nati, cresciuti e moltiplicatisi in seno alla coalizione di governo, incomprensioni che stanno, in gran parte bloccando l’agire dell’esecutivo.

Approvata per il rotto della cuffia la manovra di bilancio, Lega e 5Stelle non si trovano d’accordo praticamente su nulla, e non sono più disposti a farsi troppe concessioni reciproche.

Nelle scorse ore, ad esempio, è stato presentato un ddl a firma 5Stelle per chiedere la legalizzazione della Cannabis: nemmeno il tempo di presentarlo, che è arrivata l’opposizione dura ed intransigente di Matteo Salvini.

La proposta del senatore del Movimento 5 Stelle Matteo Manteroprevede «la possibilità di coltivare fino a 3 piante femmine in casa propria o in forma associata – per un massimo di 30 soci – e di detenere fino a 15 grammi di sostanza presso il proprio domicilio e 5 grammi fuori. Prevede inoltre di regolamentare il mercato della cannabis a basso contenuto di thc (la cosiddetta light) consentendo la vendita per uso alimentare e innalzando il contenuto di thc delle infiorescenze fino all’1%».

Ma il ministro dell’Interno ha subito tuonato: “Non passerà mai e non è nel contratto di governo”.
Una posizione condivisa da altri esponenti del suo partito e già emersa nei giorni scorsi.
“Esiste il contratto – ha invece controbattuto il senatore all’Adnkronos – ma anche la Costituzione, che dà al Parlamento la centralità del potere legislativo.

Il governo dovrebbe farsi da parte senza mettere in forse l’equilibrio della maggioranza e lasciare che il Parlamento faccia il suo percorso, con maggioranze anche trasversali”.

Loading...
Potrebbero interessarti

Ignazio Marino, sarà la Procura ad indagare sulle sue spese pazze

Poteva mai esserci un attimo di pace per il sindaco di Roma,…

Bimbo ricoverato per malnutrizione: era alimentato con dieta vegana

E’ successo a Belluno, un bimbo di due anni è stato ricoverato…