C’è realmente una base aliena su un asteroide?
Ce realmente una base aliena su un asteroide

I cacciatori di alieni credono di aver trovato prove di attività extraterrestre su un asteroide.

Attenti osservatori hanno individuato quella che sembra essere una base aliena su un asteroide. La presunta base è stata avvistata sul gigantesco asteroide Eros, che ha un diametro di 16,8 chilometri (10,4 miglia) quando i cacciatori di alieni stavano esaminando le immagini della NASA della roccia spaziale.

Uno tra i più importanti cacciatore di alieni online, Scott C Waring, ha individuato l’oggetto simile a un cubo sull’asteroide mentre stava sfogliando le immagini della NASA, sostenendo che fosse la prova di attività extraterrestre.

Il signor Waring ha scritto sul suo sito web ET Database: “Ecco una bella foto della NASA dell’asteroide Eros. Su di essa è una struttura rettangolare

La cosa divertente è che persino la NASA ha notato questa struttura aliena sull’asteroide, ma non ha ancora realizzato quello che è in realtà, una struttura aliena“.

Quindi secondo me, la NASA l’ha visto, ma non ha capito cosa fosse in quel momento. Non sono sicuro di come sia passata oltre, ma sicuramente non durerà a lungo se lo scopriranno“.

Una base aliena sull’asteroide Eros?

Tuttavia, gli scettici e la NASA sostengono che l’oggetto e altre scoperte simili sono solo gli effetti della pareidolia – un fenomeno psicologico quando il cervello inganna gli occhi nel vedere oggetti o forme familiari in schemi o trame come una superficie rocciosa.

Ciò significherebbe che la “base” è probabilmente solo una roccia con una forma familiare.

La NASA ha anche detto che è semplicemente una roccia: “Il grande masso rettangolare in alto a destra è largo 45 metri (148 piedi)“.

L’agenzia di esplorazione aerospaziale giapponese (JAXA) Hayabusa-2 ha raccolto campioni di suolo dall’asteroide Ryugu e quest’anno l’imbarcazione spaziale restituirà questi campioni sulla Terra.

Gli scienziati analizzeranno quindi i campioni di terreno e gli esperti ritengono che potrebbe essere la soluzione migliore per trovare la vita microbica.

Ian Whittaker, docente di fisica alla Nottingham Trent University, e Gareth Dorian, ricercatore post dottorato di ricerca in Scienze spaziali all’Università di Birmingham, hanno affermato che l’asteroide Ryugu potrebbe contenere le risposte a domande secolari

Il duo ha scritto in un articolo per The Conversation: “Il primo esperimento prevedeva di sparare una piccola pallina sull’asteroide che causava l’espulsione della regolite (suolo) dalla superficie”.

Allo stesso tempo, il satellite si è avvicinato alla superficie per raccogliere la polvere“.

La missione ha anche raccolto un campione dall’interno dell’asteroide, una regione che non è stata esposta al mezzo interstellare o al vento solare“.

Questo compito più complicato prevedeva di sparare un oggetto di 2,5 kg ad alta velocità nell’asteroide da una distanza di sicurezza e poi di atterrare brevemente per raccogliere il materiale“.

I campioni consentiranno uno sguardo dettagliato sulla composizione degli asteroidi, dandoci un’idea da dove potrebbero provenire e se sono in grado di portare la vita.

fonte@ET-DATABASE

Loading...
Potrebbero interessarti

Apple, un algoritmo non basta a selezionare le migliori notizie

Dalla casa di Cupertino non sono ancora arrivate dichiarazioni in merito, ma…

Rifiuti, a Roma in arrivo BioComp in scuole e uffici

Roma. Cento piccole macchine per produrre compost verranno installate in cento scuole,…