Cefalea, ne soffrono fino a 8 studenti su 10

Il ritorno a scuola è di certo traumatico per tutti, studenti, insegnanti e persino genitori, ma a quanto pare a risentirne di più sono i ragazzini tra gli 11 e i 15 anni, che vengono colpiti, nella maggioranza dei casi, da attacchi terribili di cefalea.

Secondo alcuni dati diffusi da Bruno Colombo, coordinatore del Dipartimento di neurologia-Centro cefalee, all’Irccs San Raffaele di Milano, al congresso nazionale di Paidòss, l’Osservatorio nazionale sulla salute dell’infanzia e dell’adolescenza, in corso a Lecce, il rientro a scuola è una delle cause frequenti di mal di testa, anche emicranie con i classici attacchi pulsanti.

La cefalea, che colpisce fino a 8 ragazzi su 10, può colpire i bambini anche tre volte al mese, e nell’arco di un anno può causare l’assenza da scuola per 7-8 giorni.

Ad avere la peggio sono soprattutto gli adolescenti, in particolare ragazze, e i figli di genitori emicranici, che ereditano il problema nel 60% dei casi. «Il mal di testa talvolta si accompagna ad iperattività e distraibilità, che si ripercuotono sulla resa scolastica a causa maggiore difficoltà di concentrazione e attenzione» spiega lo specialista.

L’emicrania nei bambini è difficilmente individuabile, ma ci sono alcuni campanelli d’allarme che possono aiutare i genitori. I pediatri invitano quindi a non sottovalutare alcuni comportamenti dei bambini, come quando si isolano, non giocano, si mettono le mani sul volto, evitano rumori o suoni e ricercano il buio andando presto a letto.

Next Post

Silvio Berlusconi pronto a tornare sulla scena politica

Nelle ultime settimane, come lui stesso ha più volte detto, è stato impegnato in Russia, per creare un fronte comune con gli astri stati del mondo, per cercare di fermare la battaglia distruttiva portata avanti dall’Isis, ma Silvio Berlusconi non ha certo rinunciato ad intervenire attivamente anche nella politica nostrana. […]