Trenitalia, duri scontri per portare il Frecciarossa fino in Puglia

L’Italia ancora una volta, l’ennesima, è spaccata in due: mentre nel nord Italia ci sono treni che macinano centinaia di chilometri in una manciata di minuti, al Sud si deve ancora combattere, con le unghie e con i denti, solo per cercare di ottenere che un Frecciarossa di Trenitalia si spinga “fino” in Puglia.

Rocco Palese,  vicepresidente della Commissione bilancio della Camera dei deputati, ha ricordato che “nel bilancio milionario di Ferrovie dello Stato, le cui entrate derivano al 66 per cento da finanziamenti statali, ci sono anche i soldi dei cittadini pugliesi e salentini”, e quindi ha chiesto  che l’amministratore delegato di Ferrovie dello Stato, Mario Elia, non si nasconda più.

Nelle stesse ore, dopo aver negato la sua presenza all’incontro concordato con Michele Emiliano per venerdì scorso a Bari, che avrebbe dovuto fare chiarezza sulle motivazioni per cui Trenitalia non è disposta ad estendere il servizio Frecciarossa da Milano fino a Lecce, l’Ad di Ferrovie dello Stato, Michele Elia ieri è volato ad Assisi per annunciare che «fra un anno inizieranno i lavori definitivi sui tre itinerari importanti del Sud, tra cui la Napoli e Bari».

La decisione del super manager delle Fs ha scatenato una vera e propria bufera che rischia di aprire una crisi nei rapporti con l’Azienda ferroviaria con la quale la «Regione Puglia da sempre – spiegano – ha un rapporto privilegiato. Un rapporto che in soldoni significa circa 60 milioni di euro l’anno che i pugliesi pagano per il trasporto regionale, attraverso il contratto di servizio (che scadrà a dicembre e che starebbe per essere rinnovato per altri sei anni).

“Il tempo della demagogia è finito: sul caso Frecciarossa, non possiamo accettare posizioni meramente formali di contrasto e di difesa delle ragioni del territorio. Dai parlamentari pugliesi di maggioranza ad Emiliano, abbiamo bisogno di atti sostanziali per evitare un’umiliazione senza precedenti per il Salento. L’opposizione, in quest’ottica, non farà mancare il suo contributo”, il commento duro del coordinatore regionale pugliese di Forza Italia, Luigi Vitali.

Una situazione tesa e complessa, da seguire da vicino negli sviluppi delle prossime ore.

Next Post

"A Napoli non piove mai", al cinema il primo film diretto da Sergio Assisi

Arriverà nelle sale cinematografiche italiane il prossimo 1° ottobre del 2015 la pellicola del nuovo film diretto dal celebre attore italiano Sergio Assisi ed intitolato “A Napoli non piove mai”. Si tratta nello specifico della prima pellicola diretta dall’attore italiano e racconta di un uomo di nome Barnaba che, dopo […]