Chi era in realtà Christopher Reeve

Redazione

Chi era in realtà Christopher Reeve, oltre ad essere l’iconico Superman.

Christopher Reeve è noto per il suo ruolo di Clark Kent, impacciato giornalista che si trasformava in Superman con poteri straordinari nella serie di film di Superman, che è stata girata 4 volte tra il 1978-1987.

Nel 1995 cadde da cavallo, rimase paralizzato e costretto su una sedia a rotelle.

Christopher Reeve è nato il 25 settembre 1952 a New York, negli Stati Uniti, da madre giornalista e padre insegnante di inglese.

Chi era in realta Christopher Reeve
Christopher Reeve con Robin Williams (Foto@Flickr)

Il suo nome completo è Christopher D’Olier Reeve. Sua madre era Barbara Johnson e suo padre era Franklin D’Olier Reeve.

I suoi genitori divorziarono quando aveva quattro anni. Si trasferì a Princeton con sua madre e suo fratello, Benjamin Reeve, e pochi anni dopo sua madre sposò un banchiere.

All’età di 10 anni, ha fatto il suo debutto nell’opera teatrale “The Yeoman of Guard” al McCarter Theatre di Princeton.

Divenne amico di Robin Williams mentre studiava alla Juilliard University. Reeve, che si è laureato alla Cornell University nel 1974, ha interpretato sua nipote a Broadway nel 1976 in “A Matter of Gravity” con Katharine Hepburn.

Nel 1978, ha fatto il suo debutto cinematografico con un piccolo ruolo in “Gray Lady Down”, che racconta di un disastro sottomarino.

Quando fu scelto per Superman

Nel 1978, è stato selezionato per il primo ruolo di “Superman” con la sua altezza di 1,93 tra 200 candidati.

Sebbene Reeve sia apparso in film come “Gray Lady Down” nel 1978, “Somewhere in Time” nel 1980, “Switching Channels” nel 1988, “Bostonians” nel 1984 e “Deathtrap”, è solo nel 1982 che riscuote l’enorme successo con “Superman”, che ha interpretato 4 volte sul grande schermo.

Nel 1993, ha recitato con Anthony Hopkins, Emma Thompson, Hugh Grant nel film “The Remains of the Day” diretto da James Ivory.

La paralisi non lo ferma

Nonostante la sua paralisi, Christopher Reeve è tornato alla regia e alla recitazione e nel 1998 ha recitato con Daryl Hannah in un remake del famoso thriller “La finestra sul cortile” di Alfred Joseph Hitchcock.

Ha avuto due figli di nome Matthew Reeve (b.1976) e Alexandra Reeve (b.1983) dalla sua collaborazione con Gae Exton, il fondatore dell’agenzia di modelle con cui Christopher Reeve ha condiviso la sua vita per molti anni.

Christopher Reeve ha sposato l’attrice Dana Morosini l’ 11 aprile 1992. Hanno avuto un figlio di nome William Reeve.

Conosciuto per la sua passione per lo sport, Reeve possedeva molti cavalli da corsa. Il 27 maggio 1995, quando il suo cavallo si fermò improvvisamente in una corsa, cadde da cavallo e rimase paralizzato dal collo in giù e costretto su una sedia a rotelle.

Christopher Reeve ha ammesso che stava considerando il suicidio in quel momento, ma si è arreso quando ha visto che i suoi tre figli avevano bisogno di un padre.

Reeve, che è venuto alla ribalta con il suo sostegno per la ricerca sulle cellule staminali per il trattamento della paralisi, ha combattuto per un lungo tempo, stabilendo una fondazione in questo campo.

Anni dopo l’incidente, cadde in coma a causa dell’effetto di un antibiotico usato durante il suo trattamento e non riuscì a riprendersi.

Christopher Reeve è morto il 10 ottobre 2004 a New York, negli Stati Uniti, all’età di 52 anni.

Next Post

Fine dell'umanità, sarà un virus a portarla

La fine dell’umanità sarà un virus a portarla, questo secondo alcuni ricercatori. Scienziati dell’Università di Cambridge nel Regno Unito hanno affermato che l’umanità rischia di morire a causa delle proprie azioni avventate. Gli esperti ritengono che la fine dell’umanità potrebbe arrivare a causa di virus nei laboratori del mondo. I […]
Fine umanita sara un virus a portarla